Un dramma si è consumato questo mattina, mercoledì 27 maggio, presso l’ospedale “Santo Spirito” di Pescara, in Abruzzo. Un uomo è precipitato da una finestra e ha perso la vita. Non ci sarebbero dubbi sul fatto che si tratti di un suicidio. L’uomo, un cinquantatreenne residente a Santa Teresa di Spoltore che si trovava ricoverato dal 14 maggio scorso nella struttura ospedaliera per motivi che non sono stati chiariti, stando a quanto ricostruito finora si è lanciato dal settimo piano precipitando per diverse decine di metri. Il paziente era ricoverato nel reparto di Medicina dell’ospedale "Santo Spirito" di Pescara. Stando a quanto ricostruito dalle cronache locali, l’uomo avrebbe aperto la finestra intorno alle 7 di questa mattina e si sarebbe lanciato nel vuoto.

Il paziente morto sul colpo dopo un volo di decine di metri – Il cinquantatreenne è precipitato al primo piano sul terrazzato dell'accettazione, nella zona dell'ingresso principale del nosocomio. Sul posto sono intervenute la Squadra Volante, la Scientifica e il medico legale. Per il paziente non c’è stato nulla da fare: l’uomo è morto sul colpo dopo il volo di una ventina di metri.

Ipotesi suicidio – Secondo fonti di polizia, nell'ultimo periodo il cinquantatreenne era apparso stressato e giù di corda, forse anche per le sue condizioni di salute, e questo potrebbe averlo spinto a compiere il drammatico gesto. La salma dell’uomo si trova all’obitorio.