Denise Pipitone all’epoca della scomparsa nel 2004
in foto: Denise Pipitone all’epoca della scomparsa nel 2004

Sono in corso gli accertamenti dei carabinieri nei confronti di una ragazza residente in Calabria, nel piccolo comune del Cosentino di Scalea, che sarebbe molto somigliante a Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo, in Sicilia, e mai più ritrovata.

La ragazza di Scalea si chiama Denise

Si tratta di una giovane, di famiglia rom, che si chiama proprio Denise e che è stata già ascoltata dagli inquirenti e sottoposta alle verifiche del caso. Stando a quanto si apprende avrebbe offerto piena collaborazione ai militari che hanno svolto gli accertamenti in seguito alla segnalazione di una cittadina, una parrucchiera residente nel comune calabrese, che ha riferito diverse circostanze che potrebbero fare ipotizzare la verosimiglianza di quanto riferito, tra le quali la "genesi di questa ragazza". La giovane ha fornito i nomi dei genitori e altre informazioni utili a ricostruire il suo passato: tutti gli elementi sono stati trasmessi alla procura della Repubblica di Marsala che dovrà ora decidere se procedere o meno ad effettuare la comparazione del Dna della ragazza con quello di Denise Pipitone. "La Procura con noi non parla, è un muro – le parole dell'avvocato Giacomo Frazzitta" il legale di Piera Maggio che non ha saputo aggiungere ulteriori informazioni al caso. Intanto la trasmissione tv "Chi l'ha visto?" ha pubblicato un video in cui questa giovane nega di fatto di essere la bimba scomparsa nel 2004.

Riprese le ricerche della bimba del video della guardia giurata a Milano

Si tratta dunque di un nuovo capitolo della vicenda della scomparsa della bambina per cui la stessa procura ha aperto un nuovo fascicolo di indagine nelle scorse settimane. Ieri mattina, durante il programma tv in onda su Canale 5, Mattino Cinque, Giacomo Frazzitta ha annunciato di essere sulle tracce della bambina che all'epoca della scomparsa di Denise fu avvistata da una guardia giurata a Milano. "La somiglianza è notevole – il commento di Frazzitta – non sappiamo se la bimba ripresa a Milano fosse Denise ma è importante trovare la nomade che era con lei. Se la trovassimo almeno potremmo toglierci questo dubbio. Questa foto ha delle somiglianze importanti con la donna che accompagnava la piccola ripresa a Milano".

La perquisizione nella casa che fu di Anna Corona

Intanto proseguono le indagini anche sull'altra pista, quella che vede al centro della scomparsa della piccola Denise, Anna Corona, l'ex moglie del padre biologico della piccola, già assolta in tre gradi di giudizio. La scorsa settimana gli inquirenti hanno perquisito la ex casa dove viveva la donna nel 2004: nessuna traccia di Denise, né in casa, né in garage e nemmeno in un piccolo pozzo scoperto proprio nelle cantine e profondo dieci metri. "In questa città c’è chi ha visto e sa come è scomparsa Denise ed è a queste persone che mi rivolgo: adesso basta, fatevi coraggio e l’ora di parlare, non potete tenervi sulla coscienza questo peso. Denise è figlia di questa città e dobbiamo proteggerla. La mia piccola merita verità e giustizia", le parole di Piera Maggio al termine della giornata di ricerche conclusesi con un nulla di fatto.