Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

È risultato positivo al coronavirus il neonato che si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione Pediatrica dell'ospedale materno-infantile Salesi di Ancona: il piccolo nato dieci giorni fa in un altro ospedale della regione è stato trasferito al Salesi per il sospetto di infenzione Covid-19. Il tampone è stato effettuato ieri pomeriggio e ha dato esito positivo confermando il contagio da coronavirus: il neonato è stato sottoposto a un trattamento chirurgico a carico del tratto gastrointestinale prima di essere trasferito nel reparto di Rianimazione pediatrica per il decorso post operatorio e non per la positività. Durante il ricovero è stato sottoposto al tampone, che ha dato esito positivo. Attualmente, fa sapere l'Azienda Ospedali Riuniti di Ancona, le condizioni cliniche appaiono stabili e soddisfacenti. Il neonato viene sottoposto a monitoraggio clinico/strumentale, controlli ematologici, nutrizione parenterale e terapie mediche.

Le Marche tra le regioni col maggior numero di casi positivi

Si tratta del primo caso nelle Marche di un neonato infetto dal Covid-19: nella regione sono 2.421 i casi positivi e 184 i decessi dall'inizio dell'emergenza. Si tratta della regione più colpita dopo quelle di Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Piemonte: oggi durante la conferenza stampa per fare il punto sulla situazione in Italia, sono stati diffusi i dati aggiornati che vedono salire a 59.138 casi positivi al Coronavirus, di cui 7.024 guariti e 5.476 morti. Sono 952 i nuovi guariti, 651 le nuove vittime. Sono infine 5560 i nuovi contagi. Secondo l'ultimo bilancio della Protezione Civile, sono ricoverati con sintomi 19.846 pazienti, 3009 sono in terapia intensiva (il 6 percento del totale). In isolamento domiciliare ci sono 23.783 persone. In Lombardia, la regione maggiormente colpita, sono attualmente positive 17.885 persone: di queste 9.439 sono ricoverate con sintomi, 1142 sono in terapia intensiva, 7.304 sono in isolamento domiciliare. Il totale dei tamponi effettuati ad oggi è 258.402. La Basilicata è l'unica regione italiana a non registrare ancora vittime.