3.852 CONDIVISIONI
Covid 19
16 Marzo 2020
17:42

Nella fabbrica di respiratori polmonari arriva l’esercito: “Lavoriamo 15 ore al giorno”

A Bologna c’è la Siare Engineering, unica a proddure ventilatori polmonari in Italia. C’è chi lavora fino a 15 ore al giorno con le piaghe alle mani. La Protezione Civile, in sinergia col Governo, ha affidato a questa azienda un piano straordinario per triplicare la produzione e reggere all’emergenza da Covid-19. Ed ora è arrivato l’Esercito a dar manforte.
A cura di Biagio Chiariello
3.852 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Qualche giorno fa abbiamo conosciuto più da vicino la Siare Engineering, la piccola azienda di 35 dipendenti di Valsamoggia, alle porte di Bologna, unica in Italia a produrre ventilatori polmonari, supporti fondamentali respirare i pazienti gravi ricoverati nelle terapie intensive, divenuti indispensabili in questi giorni con l’epidemia da Coronavirus. Proprio per questo motivo i vertici dell'azienda sono stati convocati una settimana fa dal premier Giuseppe Conte per un incontro con la Protezione civile, e da qui è nato un piano straordinario per triplicare la produzione e reggere all'emergenza da Covid-19: “Ho fatto un po’ di calcoli: probabilmente da 500 possiamo spingere l’acceleratore e arrivare anche a 650. E cioè 150 in più per ogni mese. Ma più di così non possiamo” ci ha raccontato Giuseppe Preziosa, 74 anni, è il fondatore e presidente della Siare Engineering.

Per tenere i ritmi richiesti sono entrati in in azione, a supporto, anche 25 tecnici dell'esercito. Da martedì tutti i piani di lavoro sono saltati, si lavora sabato e domenica, “c'è gente che arriva a fare 12, 14, chi persino 15 ore al giorno”, ha detto il dirigente a La Stampa. “Qualche signora del personale ha le piaghe alle mani a forza di avvitare raccordi”. L’accordo infatti prevede entro la fine di luglio la consegna di circa 2.300 apparecchiature, “ma probabilmente si dovrà raddoppiare e continuare a produrne 500 al mese fino a dicembre. In tutto, 5.000 apparecchiature per il territorio italiano potrebbero bastare, ma poi, eventualmente, non è che ci fermiamo dal giorno successivo –sottolinea ancora Preziosa-. Dopo aver soddisfatto questo fabbisogno la nostra produzione normale potrebbe essere sufficiente”.

3.852 CONDIVISIONI
32451 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni