1.205 CONDIVISIONI
Covid 19
15 Marzo 2020
11:13

Morto a 92 anni l’architetto Vittorio Gregotti: progettò lo stadio di Genova e lo Zen

Vittorio Gregotti, architetto e urbanista nato a Novara 91 anni fa, è morto questa mattina all’ospedale San Giuseppe di Milano, dove era ricoverato per complicanze di una polmonite causata dal Coronavirus. Ha progettato lo stadio Olimpico di Barcellona, il Ferraris di Genova e anche il controverso quartiere Zen di Palermo.
A cura di Francesco Loiacono
1.205 CONDIVISIONI
(LaPresse)
(LaPresse)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

È morto all'età di 92 anni l'architetto Vittorio Gregotti. Era ricoverato alla clinica San Giuseppe di Milano per le conseguenze di una polmonite e sarebbe scomparso a causa di complicanze causate dal coronavirus. Nato a Novara il 10 agosto 1927, Gregotti è riconosciuto come uno dei grandi urbanisti e teorici dell’architettura in Italia e all'estero. Lungo l'elenco delle opere da lui progettate: lo stadio olimpico di Barcellona e l'impianto Luigi Ferraris di Genova, ma anche il Campus dell'Università della Calabria a Rende (vicino Cosenza) e il controverso quartiere residenziale Zen a Palermo.

Vittorio Gregotti: gli studi e le prime esperienze lavorative

Gregotti iniziò a lavorare ancora prima di laurearsi: la prima esperienza fu nello studio dei fratelli Perret nel 1947. La laurea in Architettura arrivò nel 1952 al Politecnico di Milano. In seguito Gregotti lavorò nell'importante studio Bbpr, gruppo di architetti italiani costituito nel 1932 da Gian Luigi Banfi, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti ed Ernesto Nathan Rogers. Proprio quest'ultimo è sempre stato considerato da Gregotti come il suo maestro. Dop o varie esperienze professionali, Vittorio Gregotti creò il suo studio, il "Gregotti associati international", nel 1974. Tra i tanti lavori da lui progettati c'è anche il controverso quartiere Zen di Palermo, del 1969. L'area è diventata poi simbolo di degrado e il collega di Gregotti, Massimiliamo Fuksas, ne ha proposto la demolizione: Gregotti ha da sempre dato al colpa del fallimento del progetto abitativo alle infiltrazioni mafiose nella fase di appalto. Uno degli ultimi progetti a cui ha lavorato l'architetto, invece, è stata la ristrutturazione del Teatro Fonderia Leopolda, a Follonica, in provincia di Grosseto, ricavato da un'ex fabbrica.

1.205 CONDIVISIONI
31061 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni