Una bara in arrivo al cimitero di Bergamo
in foto: Una bara in arrivo al cimitero di Bergamo

I morti da coronavirus in Italia potrebbero essere molti di più di quelli registrati, in particolare nelle province d'Italia maggiormente colpite dalla pandemia. Si tratta di casi sommersi, ovvero quelle morti sopraggiunte in casa lontano dagli ospedali, persone alle quali non viene fatto il tampone e che quindi non rientrano in decessi da Covid-19. Accade ad esempio a Nembro, uno dei comuni della bergamasca maggiormente colpiti dalla pandemia i cui numeri oscillano quotidianamente tra contagi e decessi in percentuali che però potrebbero non raccontare la verità.

Lo studio di Nembro: restituire dati credibili sui decessi

Ad oggi a Nembro il numero dei morti ufficialmente attribuiti al Covid-19 è 31. Ma secondo uno schema di calcolo avanzato da Claudio Cancelli, sindaco di Nembro, e Luca Foresti, amministratore delegato del Centro medico Santagostino, rispetto allo scorso anno nello stesso periodo che va da gennaio a marzo i decessi nel comune sarebbero dovuti essere circa 35, invece stando alle stime ufficiali i morti sono 158, quindi 123 in più della media. Ma i decessi ufficialmente attribuiti al Covid-19 sono solo 31. Si tratterebbe di un disavanzo di 4 volte il numero ufficiale. L'ipotesi dunque è sempre la stessa: decine e decine di casi sommersi, anzi morti sommersi. Persone che muoiono in casa, spesso sole, o in case di riposo, o strutture per cure palliative, che però non vengono sottoposti a tampone, non restituendo di fatti una visuale chiara sui numeri dei contagi e dei decessi da coronavirus in Italia. La proposta secondo i due fisici è quella di analizzare i dati dei singoli comuni in cui ci siano almeno 10 morti per Covid-19 ufficiali e verificare se corrisponde alle morti reali.

A Bergamo migliaia di casi sommersi

Potrebbero essere migliaia, forse 70mila, anche i cosiddetti casi sommersi, ovvero quelle persone che presentano i sintomi da coronavirus ma che non vengono sottoposti a tampone. Si tratta di casi non registrati dunque e che non rientrano nel numero totale di contagi: accade secondo gli esperti principalmente nelle città più colpite, come le province lombarde di Bergamo e Brescia, o anche di Milano che ieri ha superato i 6mila casi. È qui che si nascondono quei numeri che potrebbero far aumentare potenzialmente i contagi ma che restano appunto sommersi: si tratta ovviamente di persone le cui condizioni cliniche spesso non richiedono un ricovero in ospedale e che presentano sintomi come tosse, lieve febbre o affanno.

Pazienti sintomatici mai sottoposti a tampone

In questi casi a intervenire sono perlopiù i medici di base chiamati a svolgere un lavoro fondamentale, quello di filtro obbligatorio tra la casa e gli ospedali. Lo sa bene il presidente dell'ordine dei medici di Bergamo Guido Marinoni secondo il quale in città potrebbero essere oltre 70mila i malati sommersi: pazienti che presentano sintomi diversi del virus e ai quali viene consigliato di non recarsi in pronto soccorso. Cifre altissime che potrebbero far salire le percentuali di contagio di molto. "Sappiamo infatti che chi in questo momento è a casa con mal di gola e febbre, nella nostra provincia, è estremamente probabile abbia contratto il virus – spiega il dottor Marinoni – i medici ricevono un centinaio di chiamate al giorno per casi di questo tipo. Tampone o non tampone, l’importante è rimanere isolati, al domicilio".