"Vedo molta gente che in questi giorni usa i guanti. Ma i guanti non solo non servono a nulla, possono essere controproducenti: le mani le posso lavare, i guanti o li butto ogni minuto oppure si insozzano e possono veicolare il contagio": così l'epidemiologo Pierluigi Lopalco chiarisce che cosa possa servire e che cosa invece sia inutile nell'emergenza coronavirus. I guanti, sottolinea, non proteggono dal virus: meglio lavarsi frequentemente le mani.

E le mascherine? "Servono a non contagiare gli altri, ma chi ha dei sintomi di malattie respiratorie deve restare a casa, non andare in giro. E mettersi una sciarpa sulla bocca quando siamo sul bus, ad esempio, serve a ben poco, perché poi mi attacco ai sostegni, mi stropiccio gli occhi con le mani e la frittata è fatta", aggiunge Lopalco smentendo alcune notizie fuorvianti che girano in questi giorni in merito al coronavirus. "Vitamina C, bevande calde, gargarismi…tutte cose che al coronavirus fanno il solletico", rimarca l'epidemiologo.

Ricordiamo quindi, che i comportamenti raccomandati dal governo, oltre ovviamente ai divieti espliciti espressi dal decreto ‘Io resto a casa', sono quelli di lavarsi e disinfettarsi spesso le mani per prevenire l'infezione, evitare il contatto ravvicinato mantenendo sempre la distanza di sicurezza di un metro con le altre persone, specialmente se soffrono di infezioni respiratorie (quindi no ad abbracci e strette di mano), e non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani. Inoltre si raccomanda di coprire naso e bocca se si starnutisce o tossiche, utilizzando dei fazzoletti monouso o tossendo nell'incavo del gomito.

Le mascherine sono raccomandate se si soffre di infezioni respiratorie, in modo da non contagiare gli altri, o se si assistono persone malate. Non bisogna inoltre prendere farmaci antivirali o antibiotici, a meno che questi non siano prescritti dal medico: per il primo caso in quanto al momento non esistono antivirali che prevengano l'infezione da Sars-Cov-2, e nel secondo caso in quanto gli antibiotici funzionano contro i batteri e non contro i virus. Si raccomanda inoltre di pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol, in grado di uccidere il virus.