Le chiese restano aperte per eventuali matrimoni e funerali, ma a queste funzioni potranno partecipare solo i parenti stretti. È un’altra misura adottata in Liguria a causa dei contagi di coronavirus registrati in diverse regioni del Nord-Italia. I vescovi liguri hanno deciso che sono insomma sospese le celebrazioni “con concorso di popolo”, matrimoni e funerali possono essere celebrati soltanto con la presenza dei parenti stretti, vengono annullati eventi nei locali e nelle opere parrocchiali, ed è sospesa la benedizione alle famiglie. Le disposizioni dei vescovi seguono l'ordinanza del presidente della Regione Liguria, di concerto con il Governo, legata al coronavirus. Ai fedeli i vescovi della Liguria raccomandano poi che, "pur nella impossibilità di partecipare alle sante celebrazioni, soprattutto l'inizio della Quaresima, si intensifichi la preghiera e si inizi il sacro tempo penitenziale secondo le indicazioni della Chiesa". Inoltre esortano i presbiteri a celebrare personalmente e quotidianamente messa offrendola in spirituale comunione con i fedeli e chiariscono che se non ci sarà un prolungamento della situazione di allarme e cautela il Rito delle Ceneri verrà celebrato il primo giorno utile, lunedì 2 marzo.

Coronavirus, stop alle messe nelle regioni del Nord

Diversi i provvedimenti presi dalle Regioni per contrastare la diffusione del coronavirus. Per quanto riguarda le funzioni religiose in Lombardia, sono state tutte sospese e gli oratori sono stati chiusi. Stop alle messe nel Patriarcato di Venezia, incluse quelle del mercoledì delle Ceneri e quelle domenicali, alle liturgie e alle devozioni come la Via Crucis. Lo ha deciso il patriarca di Venezia, monsignor Francesco Moraglia, in applicazione dell'ordinanza della Regione Veneto. In sostituzione i fedeli sono invitati a "un tempo conveniente alla preghiera e alla meditazione, eventualmente anche aiutandosi con le celebrazioni trasmesse tramite radio e televisione".

Coronavirus, le riflessioni di Ilaria Capua a Fanpage.it

La virologa Ilaria Capua ha parlato dell'emergenza coronavirus a Fanpage.it. A suo dire, la buona notizia è che il coronavirus appare meno letale di quanto temevamo. Il consiglio della virologa per contrastare il contagio resta lo stesso: rispettare le regole.

tot. contagiati 105.792
31 marzo 2.107
tot. guariti 15.729
31 marzo 1.109
tot. deceduti 12.428
31 marzo 837