Non farsi sopraffare dalla paura, consultarsi solo su fonti accreditate ed evitare ogni forma di allarmismo, al momento del tutto ingiustificato in Italia. Sono gli inviti arrivati dal Patto trasversale per la Scienza (Pts), l'associazione nata da un manifesto promosso dai medici Guido Silvestri e Roberto Burioni, sottoscritto da centinaia di scienziati, politici e accademici per promuovere e diffondere la scienza e il metodo scientifico sperimentale. In un documento elaborato sotto la supervisione di Pier Luigi Lopalco, presidente del Pts, si fa il punto della situazione spiegando come l ‘epidemia causata dal nuovo coronavirus sia "in continuo divenire e così anche le nostre conoscenze in proposito". "Al momento, i dati ufficiali ci inducono a considerare una letalità della Covid-19 significativamente inferiore ad infezioni da altri coronavirus (Sars e Mers). Il ritmo di crescita è confrontabile con quello di altri virus, come quello influenzale“.

In questa situazione, sostengono gli esperti, "riteniamo corretto, da parte delle istituzioni sanitarie nazionali e sovranazionali, l'aver messo in atto ogni possibile strategia per la precoce identificazione dei pazienti infetti e il contenimento dell'epidemia. Indipendentemente dal tasso di letalità, è importante evitare che il nuovo Coronavirus diventi endemico a livello planetario". Tuttavia, aggiungono," sarebbe più appropriato un atteggiamento più in sintonia tra i diversi Stati europei". L'alto livello di attenzione da parte delle autorità sanitarie, proseguono, "non giustifica però l'allarmismo nella popolazione italiana che è registrato negli ultimi giorni. È invece importante sfruttare questo momento mediatico per istruire la popolazione su alcune buone pratiche di igiene utili a prevenire la trasmissione di moltissimi virus e batteri", ad esempio lavarsi le mani con acqua e sapone o con gel di soluzione alcolica più volte al giorno, usare fazzoletti monouso per coprire la bocca e il naso quando si tossisce o starnutisce, gettandoli subito dopo, o in alternativa coprirsi bocca e naso con l'incavo del braccio, e areare spesso i locali chiusi. Visto che "le informazioni dei dati sono in continuo aggiornamento – concludono – si invitano i cittadini a non cadere nella trappola della disinformazione e consultare fonti accreditate".