4.328 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Agosto 2020
17:44

Coronavirus Treviso, focolaio nello stabilimento Aia: 182 positivi, ma l’azienda non chiude

L’azienda resta comunque aperta. Secondo le autorità non ci sono le condizioni per fermare lo stabilimento, nonostante l’elevato numero di casi e le decine di contagi tra i familiari dei lavoratori. Nuovo screening la prossima settimana.
A cura di Biagio Chiariello
4.328 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Maxi focolaio all'Aia di Vazzola, nel Trevigiano: centottantadue positivi su 560 tamponi eseguiti. Tutti sono dipendenti dello stabilimento agroalimentare. L'azienda comunque resterà aperta, anche se è prevista la riduzione della produzione del 50%, il distanziamento fra le postazioni operative e la diminuzione del numero di lavoratori per turno. La decisione è stata presa durante il vertice di stamattina in prefettura a Treviso, presenti sindacati, azienda sanitaria, lavoratori e dirigenti del Gruppo Veronesi. L’ ipotesi di chiusura dello stabilimento che era stata ventilata nelle ultime ore comporterebbe l'abbattimento di circa 1,5 milioni di capi di pollame, evento che avrebbe ripercussioni non semplici sul fronte igienico sanitario.

Il cluster era cominciato qualche giorno fa. Tutti i quasi duecento positivi, si apprende al termine di un vertice in prefettura, sono asintomatici e in quarantena. Diciotto dei positivi, riporta Treviso Today, erano di rientro dalle vacanze all’estero. Secondo il direttore generale dell'Usl 2 Benazzi: "la situazione dell'azienda è sotto controllo ". La prossima settimana sarà eseguito un nuovo screening con l’utilizzo delle nuove procedure rapide, così da dare una risposta veloce ai dipendenti. Al vertice erano presenti, tra gli altri, il direttore generale dell’azienda sanitaria Ulss n.2 di Treviso, Francesco Benazzi, e il sindaco di Vazzola, Giovanni Zanon. Solo una settimana fa si era diffusa la notizia di un piccolo focolaio all’interno dell’azienda avicola: i positivi erano 20 lavoratori, su un pacchetto di 37 coinvolti in un primo screening. A scopo precauzionale si era così deciso di estendere la verifica a tutti i dipendenti.

4.328 CONDIVISIONI
28173 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni