9.954 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Marzo 2020
16:32

Coronavirus, Burioni: “Le prossime due settimane saranno decisive. Cittadini, state a casa”

“Le prossime due settimane saranno decisive”, dice l’esperto virologo Roberto Burioni dopo aver fatto “a Zingaretti cari auguri di guarire presto e bene”. Burioni, in prima linea nella divulgazione scientifica sui virus, e in particolare sul Coronavirus, ricorda “quanto questa infezione sia difficile da contenere” e quanto ogni singolo cittadino debba comportarsi come gli viene detto di fare.
A cura di Filippo M. Capra
9.954 CONDIVISIONI
Roberto Burioni
Roberto Burioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Le prossime due settimane saranno decisive", dice l'esperto virologo Roberto Burioni dopo aver fatto "a Zingaretti cari auguri di guarire presto e bene". Burioni, in prima linea nella divulgazione scientifica sui virus, e in particolare sul Coronavirus, ricorda "quanto questa infezione sia difficile da contenere" e quanto ogni singolo cittadino debba comportarsi come gli viene detto di fare.

Burioni: State a casa ed evitate i rapporti umani, di Coronavirus si muore

Ai microfoni dell'Adnkronos, il virologo ribadisce che bisogna evitare "i rapporti umani limitandosi agli spostamenti strettamente indispensabili". Insomma, a lavoro e al supermercato si può andare, ma meglio evitare le cene, gli aperitivi, i concerti. "Bisogna stare a casa", tuona Burioni, "e quando si esce bisogna sempre stare a un metro di distanza dalle altre persone". Lui stesso presenterà il suo nuovo libro sul Coronavirus, i cui proventi andranno tutti in beneficenza, online: "Vogliamo dare l'esempio alle persone – dice Burioni -. Speriamo che questo libro possa essere uno strumento per far capire qualcosa in più". Poi, come va ripetendo da diverso tempo, il virologo rimarca che il Coronavirus non è una semplice influenza, ma "qualcosa di molto più grave". Burioni smentisce poi l'idea che di questo virus non si muoia: "Si muore e si finisce in rianimazione", dice, avvertendo che "se saturiamo i posti nelle rianimazioni, moriranno sia i pazienti con Covid-19 che chi ha un infarto o un trauma".

9.954 CONDIVISIONI
31624 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni