178 CONDIVISIONI
News sul killer di Budrio
10 Aprile 2017
07:51

Continua la caccia a Igor Vaclavic, il presunto killer di Budrio: impiegati anche i parà

L’uomo è accusato di due omicidi ed è in fuga da più di una settimana: carabinieri dei reparti speciali e paracadutisti sono sulle sue tracce tra le paludi e le boscaglie emiliane.
A cura di Davide Falcioni
178 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sul killer di Budrio

E' proseguita tutta la notte la caccia a Igor Vaclavic, l'uomo ricercato da una settimana e accusato di aver ucciso il barista di Budrio Davide Fabbri sabato scorso e in seguito anche Valerio Verri, guardia ecologica volontaria della provincia di Ferrara. Le ricerche sono in corso anche in queste ore e vengono effettuate tra le paludi e le boscaglie di un'ampia area tra le province di Ferrara, Ravenna e Bologna. Vaclavic sarebbe armato almeno con due pistole e una quarantina di munizioni.

Il presunto assassino è fuggito a bordo di un Fiat Fiorino abbandonato successivamente a Molinella, da dove ha proseguito poi a piedi: si tratta di un soggetto estremamente pericoloso e privo di scrupoli, tanto da non aver esitato a utilizzare le armi in suo possesso per almeno tre volte nell'ultima settimana, uccidendo – almeno secondo gli inquirenti – due persone e ferendone in modo grave un'altra, un agente di polizia provinciale al quale ha poi sottratto la pistola d'ordinanza.

La foto segnaletica di Vaclavic è nelle auto di polizia e carabinieri di tutta Italia ma è in un'ampia area emiliana che si stanno concentrando le ricerche, condotte con l'ausilio di uomini dei reparti speciali: sul posto sono stati spediti i militari del primo reggimento dei paracadutisti Tuscania,  dello squadrone eliportato da Vibo Valentia, e di 24 unità del gruppo intervento speciale pronti ad intervenire in qualsiasi situazione. Sono in atto inoltre controlli con un impiego di 150 carabinieri per turno. A dare man forte agli uomini sono stati poi spediti i cani molecolari, animali addestrati a fiutare tracce di esseri umani anche impercettibili. Il latitante – è l'opinione degli investigatori – potrebbe aver realizzato un nascondiglio nella palude, all'interno delle oasi naturalistiche di Marmorta e Campotto. Le ricerche tuttavia sono tutt'altro che facili, a causa – spiega il procuratore di Ferrara, Bruno Cherchi – "della situazione logistica dei luoghi, piena di case abbandonate, di arbusti, boscaglie, corsi d'acqua. Quindi anche l'attività dei carabinieri e dei reparti speciali  non è semplice, perché bisogna battere il territorio palmo a palmo, con le difficoltà anche soggettive di trovarsi di fronte ad una persona inseguita per fatti di rilevante gravità".

178 CONDIVISIONI
25 contenuti su questa storia
Igor il Russo condannato all'ergastolo in Spagna: colpevole di 3 omicidi avvenuti nel 2017
Igor il Russo condannato all'ergastolo in Spagna: colpevole di 3 omicidi avvenuti nel 2017
Igor il russo condannato all'ergastolo in Appello: "Fate spegnere il suo ghigno in carcere"
Igor il russo condannato all'ergastolo in Appello: "Fate spegnere il suo ghigno in carcere"
Igor il Russo a processo in Spagna, sorridente fa il segno di vittoria dalla gabbia di vetro
Igor il Russo a processo in Spagna, sorridente fa il segno di vittoria dalla gabbia di vetro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni