Ci sono monete antiche che valgono una fortuna: lo sanno bene i collezionisti e gli appassionati del genere. La Bolaffi , prestigiosa casa d'aste italiana nota per le sue aste e le sue raccolte numismatiche e filateliche e per le sue valutazioni molto autorevoli nel settore, ha elaborato una classifica aggiornata delle monete più preziose battute all'asta. Tra le monete antiche e rare più preziose la Casa d'aste Bolaffi ha inserito i 10 Scudi di Carlo Emanuele I di Savoia dell'anno 1610; acquistati nel 2007 per la considerevole cifra di 222mila euro, pari a poco meno di mezzo miliardo delle vecchie lire italiane.

Monete antiche del regno Sabaudo: quotazioni

Molte monete valutate, vendute all'asta o a singolo pezzo di Bolaffi riguardano proprio il regno sabaudo: dai 10 Scudi della reggenza di Carlo Emanuele II (1641) venduti nel 2011 a 150mila euro fino alla Quadrupla di Vittorio Amedeo I di Savoia che di euro ne vale 78mila. C'è anche il celebre "carlino" da 5 doppie: 50mila euro circa, venduto nel 2010. La moneta straniera più preziosa venduta dalla Bolaffi è l'1,5 Rubli per la Polonia di Nicola I di Russia datato 1838, realizzo 43.200 euro. Poi ci sono le celebri 100 lire littorie italiane, del '37: valgono 38.400 euro. Ovviamente valgono molto di più quelle ‘fior di conio' senza graffi né sbavature, anche se è ormai difficile trovarne, essendo monete antiche.

Le monete antiche e rare che valgono un tesoro