861 CONDIVISIONI
10 Agosto 2021
12:27

Chiara vince la rara sindrome di Arnold Chiari dopo 34 anni di lotta: “Grazie ai chirurghi”

Chiara Agnoletto ha vissuto per oltre 30 anni senza sapere cosa avesse e da dove arrivasse il dolore che provava alla testa, ai muscoli, alle giunzioni articolari. Poi la diagnosi: sindrome di Arnold Chiari Tipo II. L’unica soluzione possibile era quella di un difficile intervento neurochirurgico.
A cura di Elia Cavarzan
861 CONDIVISIONI

Chiara ce l'ha fatta. Ora disegna, si arrampica sulle Alpi venete, corre ed è autonoma, mentre prima era arrivata a non deglutire nemmeno. La storia di Chiara Agnoletto, 34 anni, di Arzignano nel vicentino, è una storia di coraggio, resilienza e voglia di vivere. Lungo tutto il corso della sua vita, Chiara, non è mai stata bene: "è come avere degli aghi piantati su tutti i muscoli del corpo, sulle giunzioni e la testa è come se volesse cadere ai piedi, è come se ti schiacciasse", riesce a descriverli così quei sintomi percepiti per 30 lunghissimi anni per andarsene solamente a luglio di questa estate invece, se ne sono tutti andati.

La sindrome di Arnold Chiari Tipo II è una rara malformazione della fossa cranica posteriore che induce una serie di sintomi invalidanti e ingravescenti fino a rendere la qualità della vita insostenibile.

"Ho girato tutti gli ospedali del nord Italia, ho parlato con moltissimi dottori ma quando hai una sindrome rara è difficilissimo arrivare ad una diagnosi. Se sei rara, a volte, i tuoi diritti passano in secondo piano", racconta Chiara Agnoletto che non ha mia perso la speranza di trovare una cura al suo dolore cronico, "quando a Trento ho finalmente scoperto quale era la mia malattia, è stato un colpo duro da sostenere", ammette Chiara.

L'unica via d'uscita da quella vita, l'unico modo per tornare a disegnare, a lavorare serenamente, a mangiare normalmente, ad arrampicarsi in montagna era sostenere un pericoloso intervento di neurochirurgia. "Ho pianto tutta la sera prima, avevo paura, si trema, non lo auguro a nessuno. Non sai se ti sveglierai il giorno dopo. Ho deciso di lottare e di farlo. Ora sono rinata. Mi è stata come donata una seconda vita. E mi sembra di vedere le cose in un modo totalmente nuovo".

Chiara Agnoletto ha lottato 30 anni per arrivare ad una risposta. Per quanto la sua malattia fosse rara e sconosciuta alla fine è riuscita a riappropriarsi della sua quotidianità. "Ora sorrido, rido di gusto. A quanti lottano ogni giorno contro dei mali incurabili, vorrei potergli stare vicino e infondere forza". La sua resilienza è il dono più grande che le appartiene.

861 CONDIVISIONI
Diventa mamma durante chemio e menopausa indotta a Foggia: sanitari padrini del piccolo Enea
Diventa mamma durante chemio e menopausa indotta a Foggia: sanitari padrini del piccolo Enea
Sara Pedri, licenziato ex primario dell'ospedale Santa Chiara Tateo: ma i legali annunciano ricorso
Sara Pedri, licenziato ex primario dell'ospedale Santa Chiara Tateo: ma i legali annunciano ricorso
Viaggio nell'Albergo Etico di Roma dove lavorano (anche) persone con disabilità
Viaggio nell'Albergo Etico di Roma dove lavorano (anche) persone con disabilità
106.751 di Simona Berterame
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni