La maggioranza dei decessi per covid in Italia aveva una o più malattie pregresse ma una piccola percentuale di morti riguarda anche persone senza alcuna malattia e quindi perfettamente sane prima di essere contagiate dal coronavirus. A ricordarlo è uno studio dell'Istituto Superiore di Sanità sui dati di un campione di 4.738 persone decedute per covid e per le quali fino ad ora è stato possibile analizzare le cartelle cliniche. L’analisi del’Iss mostra che il numero medio di patologie osservate in questa popolazione considerata è di 3,5. Prima del ricovero in ospedale, il 22% dei pazienti deceduti SARS-CoV-2 positivi seguiva una terapia con ACEinibitori e il 14% una terapia con Sartani (bloccanti del recettore per l'angiotensina).

Le patologie pregresse nei pazienti covid

Nel dettaglio, sul campione analizzato, 168 pazienti (il 3,5% del campione) non presentavano patologie pregresse, 631 (il 13,3%) presentavano una sola patologia, 928 (il 19,6%) presentavano 2 patologie e 3011 (il 63,6%) presentavano 3 o più patologie. Sempre secondo questi dati aggiornati al 22 ottobre 2020 e su un campione di 36. 806 pazienti deceduti, nelle donne il numero medio di patologie osservate è di 3,6 negli uomini il numero medio di patologie osservate è di 3,4.

I sintomi di ricoveri dei deceduti per covid

Nel 91,1% delle diagnosi di ricovero dei morti per covid erano menzionate condizioni o sintomi compatibili con COVID-19 come ad esempio polmonite e insufficienza respiratoria ma anche febbre o tosse. In 387 casi (8,9% di casi) la diagnosi di ricovero non era da correlarsi all’infezione. In 57 casi la diagnosi di ricovero riguardava esclusivamente patologie neoplastiche, in 131 casi patologie cardiovascolari (per esempio infarto miocardico, scompenso cardiaco, ictus), in 52 casi patologie gastrointestinali (per esempio colecistite, perforazione intestinale, occlusione intestinale, cirrosi), in 147 casi altre patologie.ù

L'età dei decessi per covid in Italia

Per quanto riguarda l’età anagrafica dei deceduti per covid in Italia, l’età media dei pazienti deceduti è andata costantemente aumentando dalla terza settimana di febbraio fino alla prima settimana di luglio raggiungendo gli 85 anni per poi calare leggermente. Al 22 ottobre 2020 sono 412, dei 36.806 totali (l’1,1%), i pazienti deceduti per SARS-CoV-2 di età inferiore ai 50 anni. In particolare, 90 di questi avevano meno di 40 anni (60 uomini e 30 donne con età compresa tra 0 e 39 anni). Tra tutti gli under 50 deceduti per covid, 64 presentavano gravi patologie preesistenti (patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità) e 14 non avevano nessuna patologia di rilievo.