51.826 CONDIVISIONI
25 Aprile 2020
20:24

Chi abita vicino al mare potrà passeggiare in spiaggia e fare il bagno

Chi abita vicino al mare, o a un lago, potrà recarvisi per fare il bagno. Invece, chi abita in montagna o collina, potrà fare passeggiate nella natura. Lo precisa il governo nel sito dedicato alle domande frequenti sul decreto Io Resto A Casa. Tuttavia, rimangono valide le normali restrizioni: queste attività infatti sono consentite solamente se non implicano l’allontanamento dalla propria abitazione. Inoltre andrà sempre rispettata la distanza di sicurezza di un metro.
A cura di Annalisa Girardi
51.826 CONDIVISIONI

Chi abita vicino al mare potrà passeggiare in spiaggia e anche fare il bagno. Sempre rispettando la distanza di sicurezza di un metro dalle altre persone. Lo stesso vale per chi risiede vicino a un lago o un fiume. Chi abita in montagna o collina potrà invece fare passeggiate nella natura, a patto che ciò non implichi utilizzare l'automobile o altri mezzi pubblici per spostarsi. A precisarlo è il governo stesso, nella sua pagina dedicata alle domande frequenti sul decreto Io Resto A Casa. Nel sito si sottolinea che attività di questo tipo rispecchiano l'attività motoria all'aria aperta consentita nei pressi della propria abitazione.

Chi abita in montagna o al mare potrà quindi uscire per fare una passeggiata a meno che, ovviamente, non sia sottoposto all'obbligo di quarantena dopo essere risultato positivo al coronavirus. Chi abita sulla costa e decide di fare attività sportiva in spiaggia potrà fare il bagno, anche se va sempre mantenuto un metro di distanza dalle altre persone. Chiaramente con questo non si vogliono autorizzare gli ingressi a luoghi chiusi al pubblico: se è stato vietato l'ingresso al parco, all'area verde o allo stabilimento balneare vicino a casa, bisognerà svolgere l'attività motoria altrove.

Il governo precisa che comunque rimangono vietati gli spostamenti che implichino l'allontanamento dalla propria abitazione. E sottolinea che questi comportamenti smettono di essere consentiti nel momento in cui nel territorio in questione sussistano divieti più severi imposti da una restrizione regionale o locale. Dove sono invece permessi, dovranno sempre essere giustificati tramite l'autodichiarazione da esibire durante i controlli delle forze dell'ordine.

Nel sito si ricorda quindi che è possibile uscire dal proprio domicilio solo per esigenze lavorative, motivi di salute, necessità primarie come fare la spesa, e per svolgere attività motoria all'aperto: "Pertanto le passeggiate sono ammesse solo se strettamente necessarie a realizzare uno spostamento giustificato da uno dei motivi appena indicati.  In ogni caso, tutti gli spostamenti sono soggetti al divieto generale di assembramento, e quindi dell’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza minima di un metro fra le persone".

51.826 CONDIVISIONI
Abusa di sua figlia, la madre si fa dare 600 euro per non denunciarlo: indagata per favoreggiamento
Abusa di sua figlia, la madre si fa dare 600 euro per non denunciarlo: indagata per favoreggiamento
Barca capovolta da una balena, muoiono 5 persone
Barca capovolta da una balena, muoiono 5 persone
Bimbo va nel bagno dell'hotel e viene molestato da un turista 85enne:
Bimbo va nel bagno dell'hotel e viene molestato da un turista 85enne: "Gli ha toccato le parti intime"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni