19.505 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Aprile 2020
13:51

Cagliari, multato al ritorno dal funerale della madre

Bruno Zidda, autotrasportatore di Olbia, è stato multato dai carabinieri mentre tornava a casa dopo aver recuperato la salma della madre, morta di covid-19, all’aeroporto di Cagliari. “Faccio appello a tutte le parti coinvolte in questo momento di emergenza: a noi cittadini ad essere rispettosi e alle forze dell’ordine a dimostrare quel senso di umanità che nel mio caso non c’è stato”.
A cura di Davide Falcioni
19.505 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Aveva dato l'ultimo saluto alla madre di 75 anni morta di coronavirus e stava rientrando verso casa, a Olmedo, in provincia di Sassari, quando è stato fermato dai carabinieri di Olbia per un controllo: i militari sono stati intransigenti e l'hanno multato. Protagonista della disavventura Bruno Zidda, autotrasportatore olbiese che a La Nuova Sardegna ha raccontato: "Mia madre è morta di Covid 19 lo scorso 16 aprile a Milano dove si trovava da Natale. Mercoledì la salma è arrivata a Cagliari con un volo proveniente da Malpensa. Ho raggiunto Olmedo per aspettare l'arrivo del carro funebre e firmare tutti i documenti. Era molto tardi per procedere alla tumulazione e alla benedizione, rinviata a ieri mattina. Quindi sono rientrato a Olbia".

Durante il viaggio l'uomo è incappato in due controlli: prima è stato fermato dalla Polizia stradale, alla quale ha mostrato i documenti relativi alla morte della madre senza incorrere in conseguenze, poi ha continuato verso Olbia imbattendosi in un altro posto di blocco, questa volta organizzato dai Carabinieri. "Si è avvicinato un militare – ha raccontato Zidda – mi ha chiesto dove fossi diretto con tono poco educato e dandomi del tu. Ho declinato le generalità dandogli del Lei e spiegandogli che era morta mamma e che stavo rientrando da Olmedo: non sono stato creduto". L'imprenditore è stato quindi multato dagli intransigenti carabinieri che non hanno creduto alla spiegazione dell'uomo nemmeno dopo aver visto il certificato di morte della madre. "Il mio non vuole essere un attacco all'Arma – ha detto ancora a La Nuova Sardegna l'autotrasportatore – ma un appello a tutte le parti coinvolte in questo momento di emergenza: a noi cittadini ad essere rispettosi e alle forze dell'ordine a dimostrare quel senso di umanità che nel mio caso non c'è stato".

19.505 CONDIVISIONI
29596 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni