1.104 CONDIVISIONI
Covid 19
16 Luglio 2021
16:48

Brusaferro: “2,5 milioni over60 senza vaccino, dato critico: con variante Delta serve doppia dose”

“Il quadro generale della trasmissione dell’infezione torna a peggiorare con molte regioni a rischio moderato. La variante Delta è destinata a crescere, importante tracciare i contatti e opportuno raggiungere quanto prima la copertura vaccinale con la doppia dose”: così il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio settimanale.
A cura di Susanna Picone
1.104 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Nell'ultima settimana la maggioranza delle regioni ha una ricrescita dei casi e riguarda le fasce di età 10-19 e 20-29, ci segnala che la gran parte della ricrescita interessa una popolazione fondamentalmente giovanile". A dirlo durante la conferenza stampa sul monitoraggio regionale settimanale dell’andamento epidemiologico della cabina di regia è Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di Sanità. Il numero dei Comuni con almeno un caso torna a salire. Il tasso di occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva è per il momento stabile, secondo i dati di Brusaferro. L’indice Rt è in aumento da 0,67 a 0,92 e proiettato a una settimana va a 1,24. “Un andamento che mostra indicatori in crescita e il numero di casi tendono ad aumentare – ha spiegato Brusaferro – mentre l’età mediana di contagiati è di 28 anni e stiamo toccando un picco più basso anche rispetto alla scorsa estate. Cala anche l'età mediana del primo ricovero a 50 anni, mentre quello dei decessi è sempre intorno ai 70 anni", ha aggiunto.

Brusaferro ha quindi parlato dei vaccini anti-Covid sottolineando la necessità soprattutto per gli over 60 di completare il ciclo vaccinale. "Negli over 80 il 90% delle persone ha completato ciclo vaccinale, ma man mano che decresciamo nell’età la quota si riduce molto e sappiamo che oggi in Italia sono 2,5 milioni le persone over 60 che non hanno iniziato la vaccinazione e questo è un bacino di utenza particolarmente critico. È estremamente importante – così il presidente dell’ISS – che queste persone si proteggano per evitare effetti più critici dell’infezione”.

La variante Delta – ha quindi spiegato Brusaferro – è destinata a crescere e in altri paesi sta portando grande aumento di nuovi casi. Il quadro generale della trasmissione dell'infezione torna a peggiorare con molte regioni a rischio moderato. È importante – ha aggiunto durante la conferenza stampa – tracciare i contatti e prevedere le quarantene ed è opportuno raggiungere quanto prima la copertura vaccinale con la doppia dose. Vaccinando i giovani, secondo Brusaferro, possiamo ambire a controllare la pandemia. Brusaferro ha parlato anche dei nuovi parametri su cui si sta lavorando e sono previsti degli incontri anche la prossima settimana. "La maggiore attenzione va però posto sul vaccinare col ciclo completo la popolazione e vaccinare anche la fascia dei più giovani”. L'aumento della trasmissibilità della variante Delta è stimata tra il +33 e +110% e quindi nello scenario peggiore si ipotizza una trasmissibilità nel limite superiore pari a 1,3.

Anche Gianni Rezza, direttore della Prevenzione del ministero della Salute, ha parlato della diffusione della variante Delta, “che corre molto e registra un aumento della trasmissibilità del 60% rispetto alla variante Alfa”. Questo virus – ha detto Rezza – è più trasmissibile rispetto a quello dell'estate scorsa e in questo momento sta colpendo soprattutto persone giovani. Dato che sono stati vaccinati prima gli anziani, questi dovrebbero essere protetti dalla malattia grave e quando si vaccineranno in modo sostanzioso i giovani comincerà a rallentare la corsa del virus.

1.104 CONDIVISIONI
28337 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni