Tragedia familiare a Bologna, dove un uomo ha aggredito la moglie in un centro commerciale quindi – poco dopo – si è tolto la vita gettandosi sotto un treno: è successo nei pressi della stazione di Castenaso, dove un marocchino di 29 anni è deceduto travolto da un convoglio sui binari. L'incontro con la donna, una 32enne italiana con la quale l'uomo non conviveva più, è avvenuto intorno alle 17: lei è stata ferita superficialmente all'orecchio con un coltello da cucina. Poi lui si è dato alla fuga.

Il dramma si è consumato nel pomeriggio di oggi. Dopo aver accoltellato la donna è stato immediatamente lanciato l'allarme e sul posto sono intervenuti i Carabinieri della locale stazione. Mentre la 32enne  veniva soccorsa, è iniziata la ricerca dell'uomo che, dopo un'ora e mezza, ha deciso di farla finita buttandosi sotto un treno in corsa, lungo la linea Portomaggiore – Bologna, dai binari della stazione di Castenaso. Un impatto violentissimo, che non ha lasciato via di scampo al 29enne. Sul posto è intervenuta la Polfer che ha eseguito tutto i rilievi. Non sono note al momento le motivazioni che hanno spinto l'uomo a tentare di uccidere la moglie poi farla finita.

Femminicidi, nel 2018 record in Italia: 142 donne uccise

E' di sole poche ore fa la notizia che nel 2018 in Italia è stato raggiunto il record assoluto di femminicidi: sono state ben 142 le donne uccise, il numero più alto mai censito da quando si effettuano le rilevazioni di questo tipo. A fornire il dato è stata l’Eures secondo cui le vittime femminili per l'anno scorso non solo hanno superato di una unità in termini assoluti le 141 dell’anno precedente, ma in termini relativi hanno raggiunto il valore più alto mai censito in Italia, attestandosi sul 40,3%, a fronte del 35,6% dell’anno precedente e di una media del 29,8% nel periodo 2000-2018.