573 CONDIVISIONI
15 Novembre 2021
16:20

Bimba nata in Ucraina da maternità surrogata, dietrofront dei genitori: “Non volevamo abbandonarla”

Nessuna volontà di abbandonare la bambina, ma anzi quella di portarla in Italia. Così in una nota gli avvocati della coppia piemontese al centro del caso della bambina nata in Ucraina da madre surrogata chiariscono la posizione dei propri assistiti. Un dietrofront dunque dopo che la donna in Procura a Novara aveva spiegato di non essersi riuscita a occupare della piccola che non sentiva sua.
A cura di Chiara Ammendola
573 CONDIVISIONI
La bambina durante il viaggio che l’ha portata in Italia
La bambina durante il viaggio che l’ha portata in Italia

Nessun abbandono, anzi la più totale volontà di voler portare la bambina in Italia. Difendono così i loro assistiti, gli avvocati Riccardo Salomone ed Enzo Carofano che rappresentano i coniugi piemontesi al centro della vicenda della bimba nata in Ucraina da maternità surrogata e poi abbandonata dalla coppia nel Paese. Accusa ora rigettata dai legali dei due che spiegano che i coniugi non volevano lasciare lì la bimba, ma anzi avevano avviato le pratiche per riportarla in Italia: "Si tratta di una situazione delicata e ancora con tanti aspetti da chiarire – ha spiegato in una nota l'avvocato Riccardo Salomone – ma ci sono prove che la volontà dei miei clienti fosse quella di tenere con sé la bimba".

L’arrivo della bambina in Italia
L’arrivo della bambina in Italia

Dunque una versione che smentisce quanto, almeno secondo la fuga di notizie avvenuta ieri, avrebbe dichiarato la donna in Procura non essendo riuscita a occuparsi della bimba perché non la sentiva sua. I due coniugi secondo gli avvocati sono stati "additati come responsabili dell'aberrante comportamento" a causa proprio di un racconto che non sarebbe completo nei suoi passaggi, per questo gli stessi legali, si legge nella nota – hanno invitato tutti "ad evitare ogni interferenza nella vita privata e nella riservatezza della coppia" stigmatizzando "la grave circostanza della fuga di notizie riservate, sulla quale verranno fatti gli opportuni accertamenti in sede giudiziaria".

La bimba è stata portata in Italia dallo Scip (il servizio per la cooperazione internazionale della polizia) e dalla Croce Rossa, su indicazione della procura di Novara che ha aperto un fascicolo modello 45, senza ipotesi di reato né indagati, per fare chiarezza sull'accaduto. Mentre la bimba attualmente si trova presso una famiglia affidataria, una coppia piemontese, in attesa che si completi l’iter per la sua adozione avviato dal tribunale dei Minori.

573 CONDIVISIONI
La storia della bimba abbandonata dopo maternità surrogata: “È allegra, la tata ucraina disperata”
La storia della bimba abbandonata dopo maternità surrogata: “È allegra, la tata ucraina disperata”
La Procuratrice sul caso della bambina ucraina: "L'abbandono c'è, ma non è reato in Italia"
La Procuratrice sul caso della bambina ucraina: "L'abbandono c'è, ma non è reato in Italia"
Bimba abbandonata in Ucraina, la mamma: "Non c'entra nulla con me, non la sentivo mia figlia"
Bimba abbandonata in Ucraina, la mamma: "Non c'entra nulla con me, non la sentivo mia figlia"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni