Lanciava la droga dalla finestra, in modo che i clienti potessero ritirarla e andare via senza incontrarlo e soprattutto senza farsi notare dalle forze dell'ordine, con le quali già aveva dei trascorsi. Un 22enne barese, già sottoposto ai domiciliari, è stato arrestato con l'accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio dopo che l'ingegnosa operazione è stata notata da alcuni militari. Nel corso di un controllo nel quartiere San Girolamo di Bari, gli agenti hanno notato due persone a bordo di una Fiat Punto. Una di loro era stata vista mentre raccoglieva da terra un involucro lanciatogli dalla finestra di un'abitazione. Aveva insospettito i militari poiché subito dopo aver raccolto l'involucro, era andata via senza quasi rivolgere un saluto al ragazzo che gli aveva lanciato la confezione minuscola dalla finestra. Gli agenti hanno quindi deciso di controllare, ignari del sistema che avrebbero scoperto, e hanno attestato così che si trattava di hashish.

A quel punto, hanno raggiunto l'abitazione del presunto spacciatore e hanno disposto una perquisizione. Qui, nel corso dei controlli di rito, hanno sequestrato due bilancini di precisione, la somma di 2700 euro in contanti e il materiale per il confezionamento della droga venduta ai clienti con l'insolito metodo del balcone. Dopo i sequestri, i controlli sono  stati approfonditi e sono quindi scattati all'interno di tutta la struttura. Sul pianerottolo dell'abitazione del giovane di 22 anni, gli agenti hanno rivenuto stupefacenti e hashish confezionato nel medesimo modo in cui era stato impacchettato quello lanciato dalla finestra. Sequestrato quasi un chilo e mezzo di hashish, 13 grammi di chetamina e 144 di maijuana. Il 22enne era già ai domiciliari e adesso è stato arrestato con l'accusa di detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio.