1.610 CONDIVISIONI
Covid 19
12 Dicembre 2021
14:52

Archiviata la denuncia di Paragone a Burioni per “incitamento all’odio verso i No Vax”

Il virologo Roberto Burioni: “Ho una brutta notizia per il senatore Gianluigi Paragone. Il suo esposto presentato contro di me all’Ordine è stato archiviato”.
A cura di Davide Falcioni
1.610 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Abbiamo denunciato il Dottor Burioni. Adesso reagiremo a questa caccia alle streghe”. Così il senatore di Italexit Gianluigi Paragone lo scorso luglio aveva annunciato l’esposto/contestazione presentato all’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Pesaro nei confronti del noto virologo. Ebbene, a poco più di cinque mesi di distanza la vicenda è arrivata al suo epilogo ed è stato proprio Burioni a darne conto su Twitter: "Ho una brutta notizia per il senatore Gianluigi Paragone. Il suo esposto presentato contro di me all'Ordine è stato archiviato. Quindi anche lui può prendere il suo esposto e infilarlo gagliardamente senza indugio alcuno e senza inutili timidezze nel cassetto degli esposti archiviati".

Nel testo dell’esposto presentato da Gianluigi paragone si leggeva: "Non è la prima volta che il Dr Roberto Burioni, divenuto noto nell’ultimo anno e mezzo per le comparsate televisive e per le sue agguerrite battaglie pro vaccini, cimentandosi sui social si lascia andare a spregiudicate affermazioni ai limiti delle regole deontologiche, ma si ritiene che in questa ultima circostanza abbia completamente travalicato i principi di dignità e di decoro della professione medica, che il Codice deontologico prevede anche in relazione a comportamenti assunti al di fuori dell’esercizio professionale". Il senatore si riferiva in particolare a due colorite affermazioni del virologo: in una proponeva "una colletta per pagare ai novax gli abbonamenti Netflix per quando dal 5 agosto saranno agli arresti domiciliari chiusi in casa come sorci", mentre nell'altra il giorno successivo accostava i non vaccinati agli evasori fiscali. Affermazioni che avevano indignato profondamente la galassia No Vax e No Green Pass. "Tali imbarazzanti ‘uscite' – secondo Paragone – appaiono totalmente inadeguate rispetto alla sua figura professionale. I termini usati ‘sorci', ‘evasori fiscali', nonché i toni pesantemente offensivi, denigratori e financo diffamatori, risultano incomprensibili ed assolutamente incompatibili con chi esercita la professione medica, ancor più se esposto pubblicamente". Non dello stesso avviso è stato l'Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, che ha ritenuto di dover archiviare il caso.

1.610 CONDIVISIONI
31032 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni