5.024 CONDIVISIONI
Covid 19
12 Aprile 2020
17:21

“Anticorpi durano poco, a rischio coronavirus anche chi è guarito”, l’allarme dell’esperto

“Ci siamo accorti che la durata di vita degli anticorpi protettori contro il Covid-19 è molto breve. E osserviamo sempre più casi di recidiva in persone che hanno già avuto una prima infezione” ha speigato Jean-François Delfraissy, immunologo francese e guida del comitato scientifico che consiglia Emmanuel Macron nell’emergenza sanitaria Covid-19. Per l’esperto servono Test a tappeto e controllo sugli spostamenti.
A cura di Antonio Palma
5.024 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Non ci può essere alcuna patente immunitaria per il coronavirus perché  questo virus ha mostrato di poter attaccare anche persone già guarite dalla malattia e risultate positive ai tamponi. A lanciare l'allarme è Jean-François Delfraissy, immunologo francese e guida del comitato scientifico che consiglia Emmanuel Macron nell'emergenza sanitaria Covid-19. "Questo virus è davvero particolare. Ci siamo accorti che la durata di vita degli anticorpi protettori contro il Covid-19 è molto breve. E osserviamo sempre più casi di recidiva in persone che hanno già avuto una prima infezione" ha spiegato infatti l'esperto in una intervista a Repubblica in cui mette in guardia da facili ottimismi sul controllo dell'epidemia sia in Francia che in Italia.

Test a tappeto e controllo sugli spostamenti

Secondo l'immunologo transalpino, anche dai primi studi sierologici condotti in Francia purtroppo non ci sarebbero buone notizie. "Nelle zone più colpite dall'epidemia vediamo che l'immunità è intorno al 10 per cento. Da quel che so è la stessa cosa in Lombardia ed è molto meno di quello che ci aspettavamo, e speravamo. Siamo lontanissimi da un'immunità naturale nella popolazione " ha spiegato Delfraissy. L'unico meccanismo per passare a una vera fase 2 senza rischi così elevati, secondo l'esperto, è quello che prevede tamponi a tappeto e controllo degli spostamenti.

Vaccini entro l'anno

"Parleremo di date solo quando avremo gli strumenti per affrontare l'aumento dei contagi e dei malati che ripartirà non appena si allenterà il confinamento. Ci sono due indicatori da guardare. Quando le terapie intensive non saranno più sotto pressione e quando avremo la capacità di testare massicciamente, isolando i positivi e tracciandone i contatti" ha sottolineato Delfraiss. Alcune buone notizie però ci sono: "Il virus ha subito solo piccole mutazioni in questi quattro mesi, è abbastanza stabile. E questo aiuta la corsa ai vaccini, inedita per rapidità". Per questo l'epidemiologo si dice convinto che "ci sarà un primo vaccino già entro la fine dell'anno. E intanto forse ci saranno novità positive sulle terapie e spero su forme di profilassi".

5.024 CONDIVISIONI
29594 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni