Covid 19
3 Dicembre 2021
13:50

“Andatelo a prendere”, minacce no vax a Bonaccini con indirizzo e telefono su Telegram

Sui social anche indirizzo della casa privata e numero di telefono del governatore dell’Emilia Romagna accompagnati dal messaggio “Andatelo a prendere”.
A cura di Antonio Palma
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Andate a visitarlo e portategli tanti regali", è uno dei tanti messaggi di minacce apparsi sui canali telegram dei gruppi no vax contro Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia Romagna, preso di mira perché da sempre favorevole ai vaccini anti covid. I messaggi sul profilo di Basta Dittatura – Proteste, che si è reso già protagonista di episodi analoghi contro medici e altri rappresentanti delle istituzioni come il Premier Mario Draghi. A rendere le minacce ancora più gravi questa volta, però, il fatto che accanto ai messaggi inneggianti alle contestazioni contro il Presidente della Regione sono stati pubblicati sui social anche indirizzo della casa privata e numero di telefono del governatore accompagnati dal messaggio "Andatelo a prendere".

"Apprendo di nuove minacce nei miei confronti da parte di gruppi no vax sui social. Non è la prima volta: chi ha argomenti discute, chi non ne ha, minaccia e aggredisce. Ringrazio le autorità e le forze dell’ordine che stanno vigilando e indagando” ha dichiarato il governatore dell'Emilia Romagna Bonaccini in un post su Facebook commentando le minacce nei suoi confronti. Il riferimento è a quanto già accaduto tra primavera ed estate quando era finito nel mirino di gruppi no vax come presidente della conferenza delle Regioni. No vax erano arrivati a consegnare anche un pacco pieno di pannolini sporchi davanti alla sua casa. “Andiamo avanti facendo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per contrastare la pandemia, per tutelare la salute delle persone e per difendere scuola e lavoro” ha aggiunto Bonaccini in un post su Facebook.

Per lui tanti messaggi di solidarietà da parte dei colleghi di partito ma anche delle istituzioni che Bonaccini ha voluto ringraziare commentando: “Grazie ai tantissimi che in queste ore mi hanno scritto o chiamato per esprimermi la loro solidarietà. Queste minacce indegne non fermeranno in alcun modo l’impegno che io e la giunta mettiamo ogni giorno per l’Emilia-Romagna”.

31035 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni