Covid 19
14 Ottobre 2021
17:23

Anche gli USA verso il green pass obbligatorio per i lavoratori

Anche negli Stati Uniti i lavoratori del settore privato – come già avviene per quelli del pubblico – saranno tenuti a vaccinarsi contro il Covid-19 o a sottoporsi a un tampone il cui risultato sia, ovviamente, negativo.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Anche negli Stati Uniti i lavoratori del settore privato saranno tenuti a vaccinarsi contro il Covid-19 o a sottoporsi a un tampone il cui risultato sia, ovviamente, negativo. A deciderlo due giorni fa è stato il Dipartimento del Lavoro, che ha sottoposto la proposta alla Casa Bianca per una revisione; il via libera definitivo potrebbe arrivare entro pochi giorni. Il provvedimento si applicherà alle imprese con più di cento dipendenti e riguarderà complessivamente circa 80milioni di lavoratori del comparto privato. Da mesi, però, i circa 20milioni di dipendenti federali stanno rispettando la stessa regola e possono recarsi al lavoro solo con vaccino oppure tampone negativo, un po' come avverrà a partire da domani anche in Italia. Il provvedimento potrà essere modificato in senso più restrittivo dai singoli stati e anche dalle aziende, che avranno la facoltà di applicare regole più severe. Google, McDonald's, United Airlines, Microsoft sono solo alcuni dei grandi nomi che obbligano i propri dipendenti a essere vaccinati pena, in alcuni casi, il licenziamento.

L'obbligo per i lavoratori di munirsi di vaccino o tampone negativo verrà imposto nel tentativo di imprimere un'accelerazione alla campagna vaccinale anche alla luce di un'analisi pubblicata dalla Kaiser Family Foundation, secondo cui il Covid è stata la seconda principale causa di morte nel Paese il mese scorso e tra giugno e settembre si sarebbero potuti evitare 90mila morti se i pazienti si fossero vaccinati. Nel rapporto, infatti, si registra che a settembre sono stati 49mila i decessi per Covid. La malattia rappresenta la causa principale di morte nel gruppo di età tra i 35-54 anni, in cui si registrano livelli d'immunizzazione più bassi che tra gli anziani. "Il Covid è stata la causa di morte per le persone di questo gruppo di età in agosto e settembre più di quanto lo sia stata nei mesi precedenti, nonostante siano disponibili i vaccini", si legge nell'analisi che conclude che la "stragrande maggioranza dei ricoveri e decessi per Covid continuano ad essere evitabili".

27560 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni