181 CONDIVISIONI

“Ammazzatele”: 23 indagati per frasi contro maestre accusate di maltrattamenti in asilo a Grosseto

Pesantissimi insulti e minacce che, secondo il sostituto procuratore di Grosseto, non esprimevano solo odio e rabbia nei confronti delle donne finite sotto processo per maltrattamenti in asilo ma avrebbero potuto spingere qualcuno a fare loro del male . “Vanno linciate, la prigione non basta”, scrivevano infatti sui social.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Antonio Palma
181 CONDIVISIONI
Immagine

"Quelle maestre andrebbero ammazzate", "Vanno linciate", "la prigione non basta", sono solo alcune delle violenti frasi rivolte sui social contro alcune insegnanti accusate di maltrattamenti in asilo e che ora son finite al centro di un inchiesta parallela della Procura di Grosseto che ha iscritto nel registro degli indagati 23 persone con l'accusa di diffamazione e istigazione a commettere altri reati.  Come riferisce "Il Tirreno" i 23 indagati, quasi tutti grossetani o comunque residenti in provincia e per la maggior parte donne, a lungo avrebbero rivolto offese, insulti e anche minacce alle indagate e a tutto il personale dell’asilo. Insulti che, secondo il sostituto procuratore Salvatore Ferraro, non esprimevano solo odio e rabbia nei confronti delle donne finite sotto processo e del loro colleghe ma avrebbero potuto spingere qualcuno a fare loro del male

"La prigione per queste persone non esiste, si sono permesse di toccare delle anime innocenti, vanno pestate a sangue" scriveva qualcun , "Vanno linciate – Loro hanno malmenato i bambini allora le beccavo una ad una da sole in un vicolo e ti giuro le riempivo di legante fino a fargli chiedere perdono in ginocchio e poi le avrei finite di ammazzare" scriveva un’altra delle indagate. "Un sacco in testa e giù con le bastonate, fino a cambiare i connotati a queste", si legge ancora  un altro commento sui social finito agli atti dell'inchiesta. Tutti messaggi apparsi in commenti pubblicati su alcuni profili che riportavano la notizia del processo in corso a carico delle maestre.

C’è stato anche chi indicava al proprietario della pagina la presenza in un centro commerciale della zona di tre delle donne finite sotto processo per i maltrattamenti all’asilo. L’uomo, insieme a una sua collaboratrice, si era presentato al centro commerciale cercando di parlare con una delle imputate che era stata costretta a rifugiarsi dentro a un ristorante. Per questo, tre degli indagati sono accusati anche di molestie.

181 CONDIVISIONI
Sospesa ancora la maestra del rosario in classe: accusata di maltrattamenti su alunna di 10 anni
Sospesa ancora la maestra del rosario in classe: accusata di maltrattamenti su alunna di 10 anni
Alunna disabile picchiata e insultata dalle maestre con urla, strattoni e spinte in classe: arrestate
Alunna disabile picchiata e insultata dalle maestre con urla, strattoni e spinte in classe: arrestate
Il processo è in corso ma c'è già la sentenza: la scoperta dell'avvocato. Denuncia della camera penale
Il processo è in corso ma c'è già la sentenza: la scoperta dell'avvocato. Denuncia della camera penale
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views