85 CONDIVISIONI
L'omicidio di Alice Neri a Modena

“Alice Neri provò a difendersi dalle coltellate con tutte le sue forze”: le conclusioni del consulente

Secondo le conclusioni di Vittorio Gatto, consulente nominato dalla procura di Modena, Alice Neri provò a difendersi dalle coltellate inferte dal suo assassino con grande violenza. Sarebbe morta prima che il suo corpo venisse dato alle fiamme.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
85 CONDIVISIONI
Alice Neri (foto Facebook)
Alice Neri (foto Facebook)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Alice Neri a Modena

Alice Neri provò a difendersi con tutte le sue forze. È questa la conclusione a cui è giunto Vittorio Gatto, consulente nominato dalla procura di Modena nell'ambito delle indagini sulla morte della madre 32enne il cui corpo carbonizzato è stato rinvenuto nella propria auto a Fossa di Concordia, nel Modenese, il 18 novembre dello scorso anno.

Secondo quanto riporta Il Resto del Carlino, ciò sarebbe dimostrato dalle lesioni riscontrate sul corpo della vittima. Inoltre, era già morta quando l'autore dell'omicidio diede fuoco al suo corpo, martoriato da diverse coltellate inferte con violenza. Si è parlato di almeno 5 o 6 colpi con arma bianca e un fendente avrebbe raggiunto il cuore della giovane mamma.

Immagine

Il perito ha inoltre fornito nuovi elementi emersi dagli esami tossicologici sui tessuti biologici. La donna, dicono le risultanze, aveva assunto cocaina e alcolici prima di essere uccisa, assunzione che non avrebbero avuto alcuna relazione con la morte della giovane, anzi causato dalle coltellate inferte con violenza inaudita. Il decesso anteriore al rogo, secondo il medico legale, è confermato dal mancato riscontro di inalazione di materiale fuligginoso nelle vie aeree.

Le indagini si avviano così verso la conclusione. Il principale sospettato per l'omicidio di Alice Neri resta il 29enne Mohamed Gaaloul, catturato a dicembre tra la Francia e la Svizzera, a carico del quale la Procura parlò subito dopo il fermo di "gravi indizi di colpevolezza". L'uomo, che resta l'unico indagato per l'omicidio, sarebbe stato l'ultimo ad aver vista la notte della scomparsa, tra il 17 e il 18 novembre scorsi davanti allo Smart Caffè di Concordia.

Alice Neri e Mohamed Gaaloul
Alice Neri e Mohamed Gaaloul
85 CONDIVISIONI
113 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni