853 CONDIVISIONI
Omicidio Alessandra Zorzin a Montecchio Maggiore
15 Settembre 2021
21:45

Alessandra Zorzin, morto l’assassino: si è suicidato usando la stessa pistola dell’omicidio

Tragico epilogo per il delitto di Alessandra Zorzin, la 21enne uccisa oggi a Montecchio Maggiore. In serata il killer si è tolto la vita, sparandosi con la pistola che aveva utilizzato per commettere il delitto. L’omicida è il 38enne padovano Marco Turrin, residente a Vigodarzene, di professione guardia giurata.
A cura di Ida Artiaco
853 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Alessandra Zorzin a Montecchio Maggiore

Tragico epilogo per il caso della morte di Alessandra Zorzin, la 21enne uccisa oggi a Montecchio Maggiore. In serata, verso le 20.30, il killer si è tolto la vita, sparandosi con la pistola che aveva utilizzato per commettere il delitto. L’omicida è il 38enne padovano Marco Turrin, residente a Vigodarzene, di professione guardia giurata. Sull’uomo si era da subito concentrata l’attenzione dei Carabinieri. Subito dopo il ritrovamento del cadavere della giovane erano scattate le ricerche del sospettato, che nel frattempo aveva fatto perdere le sue tracce, allontanandosi a bordo di una Lancia Y, come hanno raccontato i vicini di casa della vittima.

Nel corso della giornata era stato più volte individuato il suo passaggio nel vicentino e in altre limitrofe, senza però che le numerose pattuglie dispiegate riuscissero ad intercettarlo. In serata, l’autovettura è stata rilevata nuovamente nella zona di Creazzo. L'auto è stata così braccata nella zona di Vicenza Ovest da due pattuglie dei Carabinieri e della Polizia di Stato, che stava attivamente collaborando nelle ricerche del sospettato. Ma alla vista delle pattuglie il 38enne, sentendosi ormai in trappola, si è sparato all’interno dell’autovettura. Immediatamente soccorso, nonostante i tentativi di rianimazione del personale sanitario, ne è stato dichiarato il decesso sul posto.

L'allarme è scattato oggi nel primo pomeriggio, quando i vicini di casa di Alessandra avvertono il marito, Marco Ghiotto, 28 anni, che era a pranzo con i genitori, di aver udito prima delle urla e poi un colpo secco provenire dall'abitazione. Quando l'uomo arriva sul posto, trova la moglie riversa sul letto, in una pozza di sangue e con una ferita al volto provocata da arma da fuoco. La vittima, di professione parrucchiera, era da sola a casa: la figlia di due anni era all'asilo. Sempre i vicini hanno raccontato di aver visto un uomo uscire dalla casa del delitto, diverso dal marito della 21enne ma che già in precedenza era stato visto entrare lì. Poi la fuga del killer, fino al tragico epilogo di questa sera.

853 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni