1.100 CONDIVISIONI
Omicidio Alessandra Zorzin a Montecchio Maggiore
15 Settembre 2021
15:55

Montecchio Maggiore, 21enne uccisa a colpi di pistola: lascia figlia di 2 anni, assassino in fuga

A Montecchio Maggiore, in provincia di Vicenza, nella frazione di Valdimolino, pochi minuti fa una ragazza di 21 anni, Alessandra Zorzin, è stata uccisa a colpi di arma da fuoco nella sua abitazione. Il killer si sarebbe dato alla fuga: è ricercato dalle forze dell’ordine. A scoprire il cadavere della giovane sarebbe stato il marito.
A cura di Ida Artiaco
1.100 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Alessandra Zorzin a Montecchio Maggiore

Tragedia a Montecchio Maggiore, precisamente nella frazione di Valdimolino, in provincia di Vicenza, dove oggi una ragazza di 21 anni, Alessandra Zorzin, è stata uccisa a colpi di arma da fuoco nella sua abitazione. Il killer si sarebbe dato alla fuga. Testimoni lo hanno visto scappare, con una fisionomia assolutamente diversa dal marito e che è salito su una Y nera. L'uomo, di cui non sono state diffuse ancora le generalità, che potrebbe essere un amico della vittima, pare fosse in possesso dell'arma con cui ha freddato la 21enne per motivi di lavoro (si tratterebbe di una guardia giurata). È al momento ricercato dalle forze dell'ordine, che si stanno concentrando nella zona del Garda, dove sarebbe stato avvistato l'ultima volta.

Cosa è successo oggi a Montecchio Maggiore

Sul posto gli investigatori tentano di ricostruire la dinamica di quanto successo. Secondo le prime informazioni disponibili, a scoprire il cadavere nel primo pomeriggio è stato il marito, che era a pranzo dai genitori e che è stato allertato a sua volta dai vicini di casa che avevano sentito prima delle urla e poi lo sparo. Il delitto potrebbe risalire all'ora di pranzo. Il suo corpo è stato trovato nel letto e in una pozza di sangue. Sarebbe stata colpita con un solo proiettile. La vittima, che faceva la parrucchiera, è mamma di una bimba di due anni che al momento della tragedia si trovava a scuola. Secondo quanto appurato dai Carabinieri, la ragazza aveva conosciuto da poco il sospettato, un 40enne.

I precedenti

"È un fatto che ci lascia senza parole – ha detto Gianfranco Trapula, il sindaco di Montecchio che si è recato sul posto – non conoscevo personalmente Alessandra, stiamo pensando al dramma che vivrà la bambina piccola e tutta la famiglia. È un atto veramente incomprensibile. Prima di uccidere una persona ci sono tante cose che si sono possono fare". Si tratta dell'ennesimo femminicidio che si consuma in Italia: solo nell'ultima settimana ce ne sono stati 7 tra cui quello di Noventa Vicentina, dove la 31enne Rita Amenze è stata freddata a colpi d’arma da fuoco dal marito Pierangelo Pellizzari, che è stato arrestato dopo essersi dato alla fuga. L'uomo si era infatti barricato, ancora con la pistola in tasca, in una casa di Villaga, a poca distanza dalla casa di via Quargente dove la coppia risiedeva.

1.100 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni