8.482 CONDIVISIONI
4 Agosto 2022
09:33

Accoltellò 26enne scelta a caso in strada: 15enne è già libero, è volato dalla madre a Londra

Il giudice aveva disposto il trasferimento in comunità del 15enne condannato in appello per l’aggressione a Marta Novello ma il provvedimento non è mai stato notificato e il ragazzino è andato via dall’Italia.
A cura di Antonio Palma
8.482 CONDIVISIONI
La vittima Marta Novello
La vittima Marta Novello

È libero e ha già lasciato l’Italia il ragazzino di 15 anni condannato per avere aggredito e accoltellato Marta Novello, la 26enne veneta ferita gravemente mentre faceva jogging due anni fa in località Marocco di Mogliano Veneto, in provincia di Treviso.

La vicenda che sconvolse l’opinione pubblica per l’efferatezza del gesto, l’età dell’aggressore e la scelta del tutto casuale della vittima, infatti ha avuto una vicissitudine giudiziaria particolare che ha portato l’adolescente a essere scarcerato e a lasciare l’Italia prima del terzo grado di giudizio in tribunale.

“Non è facile, per Marta, accettare l’idea che appena sedici mesi dopo averle inferto ventitré coltellate, il responsabile sia già a piede libero” ha spiegato al Corriere del Veneto il legale della vittima, l’avvocato Alberto Barbaro raccontando quanto accaduto.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il ragazzo sarebbe uscito di casa con l'intento di compiere una rapina per procurarsi dei soldi e comprare della marijuana di cui faceva larghissimo uso. Poi avrebbe visto la giovane e l’avrebbe aggredita, trascinandola in un fossato ai lati della strada dove le ha sferrato 23 coltellate. Marta Novello ha subito danni gravissimi agli organi interni ma si è salvata dopo diverse operazioni.

Dopo una perizia psichiatrica che ne aveva confermato la capacità di intendere e volere, il quindicenne era stato condannato in primo grado dal Tribunale dei Minori a sei anni e otto mesi di reclusione per l’aggressione avvenuta la sera del 22 marzo 2021 con il riconoscimento di una parziale incapacità.

In secondo grado, nell’aprile dello scorso anno, la Corte d’appello di Venezia però aveva ridotto la pena per il ragazzo portandola a cinque anni di reclusione per i reati di tentato omicidio e tentata rapina. Al contempo era stata confermata anche la misura di sicurezza di due anni da scontare successivamente alla pena detentiva alla luce della sua pericolosità sociale.

Infine qualche giorno, in attesa  del terzo grado di giudizio,  il ragazzino è stato scarcerato per scadenza dei termini per la custodia cautelare in prigione. Il fatto però è che il giudice per i minorenni ne aveva disposto il trasferimento in comunità ma il provvedimento non è mai stato notificato al ragazzino. Il 15enne quindi ha avuto tutto il tempo di tornare a casa stare lì per pochissimi giorni e poi lasciare l’Italia per raggiungere la mamma in Inghilterra. “Lo Stato riuscirà a riportare in Italia l’aggressore affinché sconti quella pena definitiva che dovrebbe avere lo scopo di recuperarlo?” si chiede l’avvocato

8.482 CONDIVISIONI
Schianto sull'autostrada Ivrea-Santhià, distrutta famiglia: morti padre, madre e figlio 15enne
Schianto sull'autostrada Ivrea-Santhià, distrutta famiglia: morti padre, madre e figlio 15enne
Usa, bimbo di 9 anni spara e uccide una 15enne in strada: stava giocando con la pistola di una parente
Usa, bimbo di 9 anni spara e uccide una 15enne in strada: stava giocando con la pistola di una parente
Meteo, oggi il picco del caldo: dove sono attesi 40 gradi e quando e dove arriveranno i temporali
Meteo, oggi il picco del caldo: dove sono attesi 40 gradi e quando e dove arriveranno i temporali
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni