A noi italiani abituati a sopralluoghi, riunioni per discutere sul da farsi e progetti da approvare potrebbe sembrare un fake ma quanto accaduto ad Anchorage, nello stato dell'Alaska, in Usa, è tutto vero. Di fronte alla strada completamente distrutta dal terribile terremoto di magnitudo 7 che ha colpito la zona il 30 novembre scorso, le autorità e i cittadini della zona hanno risposto in maniera velocissima ripristinando la strada e la relativa viabilità in appena 4 giorni. Stiamo parlando della rampa di accesso all'aeroporto internazionale di Anchorage e della uscita sulla Minnesota Boulevard della superstrada locale che sono state riaperte nelle scorse ore a tempo di record.

Dopo il sisma che ha scosso la città e l'intera regione, le strade nell'area erano riamaste lesionate e impercorribili in più punti e addirittura vi erano vere e proprie voragini che avevano quasi inghiottito alcune vetture di passaggio. Solo una manciata di ore dopo però le squadre di riparazione si son messe all'opera crealizzando il lavoro in pochissimi giorni tanto da lasciare sconcertanti i residenti degli altri stati americani. Le foto del prima e del dopo sono state pubblicate a più riprese dagli stessi abitanti del posto orgogliosi per quanto fatto. "Ecco un altro grande esempio di come gli "Alaskans" abbiano risposto al terremoto di venerdì" hanno scritto. Anche il dipartimento dei trasporti dello stata americano ha confermato che tutte le corsie della superstrada sono state riaperte al traffico così come le rampe di accesso danneggiate nel sisma