Una  vacanza estiva organizzata da tempo per tutta la famiglia si è trasformata in tragedia per un nucleo familiare statunitense che stava trascorrendo alcuni giorni di ferie in Alaska. Il frigorifero della casa infatti si è improvvisamente guastato durante la notte emanando esalazioni di monossido di carbonio che si sono rivelate fatali per il piccolo Gavin Klebs, un bambino di appena 10 anni che non è riuscito a riprendersi. Il piccolo era raffreddato e febbricitante ed era stato messo a letto la sera prima del decesso ma non si è mai più risvegliato.

Nessuno della famiglia si è accorto del guasto improvviso al frigo e tutti sono stati sorpresi nel sonno. Ad accorgersi che qualcosa non andava e a salvare il resto della famiglia è stato un vicino e amico di famiglia che, vedendo tutto chiuso, la mattina ha bussato alla porta. Non ricevendo risposta è entrato facendo la brutta scoperta: tutta la famiglia giaceva in stato di incoscienza. Dopo l'allarme, padre, madre e gli altri bimbi sono stati portati in ospedale  e poi trasferiti in un centro specializzato dove sono stati salvati mentre per il piccolo Gavin non c'è stato nulla da fare.