Roland Garros
20 Maggio 2022
10:30

Chi era Roland Garros, l’aviatore che dà il nome all’Open di Francia

L’Open di Francia di tennis è conosciuto come Roland Garros prendendo il nome dell’impianto che ogni anno ospita lo slam parigino. Ma chi era Roland Garros? Fu un celebre aviatore transalpino protagonista di imprese eccezionali e pilota durante la prima Guerra Mondiale.
A cura di Marco Beltrami
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Roland Garros

Il Roland Garros è il più importante torneo di tennis sulla terra rossa e rientra nei 4 prestigiosi appuntamenti del Grande Slam. Il nome ufficiale dello slam parigino è Open di Francia ma il torneo di tennis è conosciuto e definito semplicemente "Roland Garros", prendendo il nome dell'impianto che ogni anno ospita la competizione tennistica. Ma chi era Roland Garros? In molti credono che a dare il nome all'impianto che ospita il torneo parigino sia un famoso tennista. In realtà Roland Garros era un aviatore francese e rappresenta un vero e proprio eroe transalpino, capace di imprese eccezionali e pilota durante la prima Guerra Mondiale. È considerato un pioniere dell'aviazione e fu il primo a volare attraverso il Mediterraneo senza effettuare nessuno scalo. Scopriamo chi era Roland Garros e come il suo nome si è legato alla storia del tennis parigino.

Chi era l'aviatore Roland Garros

Roland Garros è stato un vero e proprio pioniere dell'aviazione, nonché un eroe nazionale per la Francia. Una vita dedicata al volo quella del classe 1888 che si rese protagonista di una serie d’imprese eccezionali. Nel 1911 raggiunse il record mondiale d’altezza dell’epoca toccando con un aeroplano i 3910 metri. Vinse numerose gare aeree, diventando il primo pilota ad attraversare in volo senza scali il Mediterraneo. Sprezzante del pericolo, e pronto a tutto per la sua Francia, entrò nell’esercito transalpino allo scoppio della Grande Guerra e si confermò un pioniere, studiando un sistema che gli permetteva contemporaneamente di pilotare il suo aereo e sparare con la mitragliatrice.

Le sue gesta conquistarono un’eccezionale popolarità, anche quando fu preso prigioniero dai tedeschi che copiarono molti dei suoi “progetti”. Roland Garros riuscì a sfuggire da un campo di concentramento in Germania, ma nel 1918 morì durante un combattimento aereo. Considerato il prima pilota da caccia del mondo, la grande gloria francese ha lasciato un segno indelebile nella storia del suo Paese, che ha deciso di dedicargli un tributo di tipo sportivo.

Perché il torneo di tennis si chiama Roland Garros: la storia dell'Open di Francia

La storia del torneo francese inizia nel 1891, con il Campionato Internazionale di tennis di Francia che si disputava in un solo giorno tra tennisti francesi, o giocatori stranieri iscritti a  club transalpini. Dopo la creazione del torneo di doppio e dell’apertura anche alla competizione femminile nel 1911 si passò dall’erba alla superficie in terra battuta, su iniziativa del produttore di palline da tennis  Duane Williams finanziatore dell’appuntamento. Per quanto riguarda le location del torneo, si giocava negli impianti del Racing Club de France e dello Stade français fino al 1927.

Nel 1925 arrivò la prima svolta con la prima edizione degli Internazionali di Francia. Questi ultimi prima erano riservati solo agli amatori, ma dopo anche grazie alla creazione di un appuntamento parallelo, furono aperti anche e soprattutto ai professionisti. Così il torneo parigino conquistò sempre maggiore popolarità, fino a quando divenne totalmente Open. A dare una svolta alla storia e alla popolarità del torneo fu la vittoria dei "quattro moschettieri"  ovvero Cochet, Borotra, Lacoste e Brugnon, della Coppa Davis nel 1927 contro gli Stati Uniti a Philadelphia.

Ecco allora che la Federazione decise di costruire un nuovo impianto, sfruttando un sito di 3 ettari, nei pressi della Porte d'Auteuil. Il tutto fu messo a disposizione dallo Stato francese con la condizione che portasse il nome di un eroe francese. La scelta ricadde così sul leggendario Roland Garros, per quello che diventò lo Stade Roland Garros. E da allora l'Open di Francia, viene riconosciuto anche con il nome del leggendario aviatore. Oggi lo Stade Roland Garros si compone di 20 campi: il campo principale, quello centrale, è dedicato al tennista francese Philippe Chatrier, presidente prima della Federazione francese di tennis e poi dell'ITF. Dopo la sua morte, il campo centrale del Roland Garros cambiò nome da Court Central a Court Philippe Chatrier.

115 contenuti su questa storia
La profezia del tennista battuto da Nadal nel 2008:
La profezia del tennista battuto da Nadal nel 2008: "Avrà 60 anni e vincerà ancora il Roland Garros"
Nadal accusato di doping, interviene l'Agenzia Mondiale:
Nadal accusato di doping, interviene l'Agenzia Mondiale: "È un problema etico, non nostro"
Nadal è immenso, ha vinto il Roland Garros per la 14a volta: demolito Ruud in finale
Nadal è immenso, ha vinto il Roland Garros per la 14a volta: demolito Ruud in finale
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni