18 CONDIVISIONI
US Open 2023 di tennis

Ben Shelton in semifinale agli US Open: ha festeggiato il successo con una telefonata

Ben Shelton è in semifinale agli US Open. Il tennista americano ha vinto il derby con Tiafoe e venerdì affronterà Novak Djokovic. Shelton, che ha 20 anni, dopo aver vinto ha fatto un gesto dal significato particolare.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Alessio Morra
18 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
US Open 2023 di tennis

Se la qualificazione alle semifinali di Novak Djokovic era pressoché scontata non si può dire la stessa cosa per Ben Shelton, giovane tennista americano che a New York sta giocando un tennis fantastico, sta servendo in modo incredibile e a 20 anni è in semifinale agli US Open, il più giovane americano a raggiungere questo traguardo dai tempi di Michael Chang. Dopo aver vinto il derby con Tiafoe, Shelton ha festeggiato in modo particolare.

Di Shelton si parla tanto. Ha uno stile di gioco differente rispetto a tutti gli altri, serve bene, serve fortissimo, e va all'attacco. I quarti agli Australian Open lo hanno lanciato in orbita, ma potevano anche essere un risultato casuale. Lui, classe 2002, non ha poi avuto un'annata stellare. Ma ci sta. L'americano è giovane e la crescita passa pure attraverso cocenti sconfitte e tornei altalenanti.

Ma a Flushing Meadows il figlio d'arte (perché papà Bryan è stato tennista negli anni '90) ha messo in ordine il suo gioco e a suon di bordate è arrivato in semifinale! Un grande traguardo e un grande evento per il tennis americano che sta risorgendo anche a livello maschile.

Immagine

Shelton ha iniziato il torneo quasi nascosto, in sordina, ma pian piano si è infilato in un buco di tabellone. Ma non è stato solo quello a portarlo in semifinale. Perché negli ottavi da sfavorito ha battuto Tommy Paul e nei quarti sempre in quattro set Frances Tiafoe. Shelton fa un balzo enorme in classifica, da lunedì sarà nei primi 20 ATP. E si prepara a sfidare Djokovic con tanta fiducia e la spensieratezza dei giovani, che possono pensare di battere chiunque.

L'americano dopo aver battuto Tiafoe ha conquistato ulteriormente la prima pagina per la sua esultanza, che è diventata ormai il suo marchio di fabbrica – anche nel doppio misto ha ‘contagiato' la partner Taylor Townsend. Shelton quando il colpo di Tiafoe è andato fuori ed è diventato ufficiale il suo successo ha portato la mano sinistra all'orecchio, come se stesse facendo una telefonata. Un gesto semplice, che è seguito da un altro.

Perché quella telefonata poi viene chiusa. Perché il telefono lo mette giù. Come a dire: missione compiuta. Partita giocata e vinta. Telefonata fatta e chiusa. Chissà se si ripeterà contro Djokovic, ma intanto il tennis ha un nuovo giovane di talento pronto a lottare con Alcaraz, Sinner e Rune.

18 CONDIVISIONI
147 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views