A Jerez vince ancora Fabio Quartararo, che fa il bis e va già in fuga nel Mondiale della MotoGP. Il francese dalle chiare origini italiane ora ha 50 punti, un margine enorme su Marc Marquez, il favorito per il titolo e oggi assente. Sul podio Rossi e Vinales, che nel finale ha superato Valentino, ottimo terzo.

Che partenza di Valentino Rossi

Valentino Rossi parte benissimo, brucia Bagnaia e nelle prime curve è incollato a Quartararo e Vinales, lo spagnolo vuole la prima posizione, non sa attendere, osa, sbaglia e perde la posizione su Valentino che non riesce a rimanere incollato al francese e dopo sei giri ha già tre secondi di ritardo. Il pilota della Yamaha sa di dover rintuzzare i tentativi probabili di Vinales e cerca di tenere sempre un minimo margine di vantaggio. Dietro Bagnaia perde la posizione su Nakano, mentre Morbidelli con una bella manovra piazza un bel sorpasso. Dovizioso invece non riesce a unirsi al trenino dei migliori.

Super Bagnaia, due sorpassi doc

Vinales perde terreno su Rossi e viene superato da Pecco Bagniaia che bravissimo sale sul podio e si mette a caccia di Valentino, che non riesce a guadagnare mai su Quartararo che fa una gara a sé. Miller perde il controllo della sua moto, va fuori pista e si ritira. Bagnaia mette nel mirino Rossi e senza troppi problemi lo supera. Secondo posto per il torinese vincitore della MotoGP due anni fa.

Si ritirano Morbidelli e Bagniaia

Rossi viene messo nel mirino da Morbidelli, che si incolla al suo maestro, mentre Brad Binder è costretto al ritiro, dopo una brutta caduta. Il duello tra Rossi e Morbidelli non c’è, perché la moto abbandona Morbidelli che è costretto a parcheggiarla a nove giri dal termine. Sfortunatissimo Bagnaia che quando mancano sei giri deve ritirarsi, a causa della rottura del motore. Vinales e Rossi danno spettacolo e lottano per il secondo posto, che alla fine è appannaggio dello spagnolo.