Ben Godfrey morto a 25 anni in un incidente in Superbike. La stella britannica è morto a Donington Park mentre stava partecipando a un evento "No Limits Trackdays" quando è caduto dal suo mezzo. A comunicare l'accaduto è stata la società per cui Godfrey correva che ha ufficializzato l'incidente e il decesso del ragazzo: ‘Durante la seconda sessione di gruppo avanzata della nostra giornata di No Limits Track oggi a Donington Park, Ben Godfrey, 25 anni, si è scontrato con un'altra moto sull'approccio a Redgate ed è caduto dalla sua moto. Tragicamente, ha subito gravissime lesioni e nonostante l'immediata assistenza medica a terra, è deceduto a causa delle stesse poco dopo.' Sull'incidente mortale ha aperto una indagine anche la polizia di Leicestershire  che sta verificandone le dinamiche.

Ben Godfrey era un giovane molto promettente nel mondo della Superbike e avrebbe dovuto gareggiare nella Ducati TiOptions Cup a Silverstone per il Team BGR entro la fine di quest'anno. Mark Neate, l'organizzatore della No Limits Trackdays ha reso omaggio al pilota britannico: "Ben era davvero un giovane fantastico e amico di così tante persone nel paddock, sorrideva sempre e aveva tempo per tutti. Era molto eccitato per l'inizio della stagione e aveva subito partecipato per molti giorni di pista nell'ultimo mese. I nostri pensieri sono con la sua famiglia, il suo compagno Jordan e i suoi compagni di squadra e amici'. Godfrey , che aveva già corso in entrambe le serie sia in Superstock che in Endurance è stato dichiarato morto sul luogo dell'incidente, e dopo la tragedia anche il compagno di gara della Superbike, Glenn Irwin, ha reso omaggio a Godfrey sui suoi profili social: ‘Riposa in pace Ben Godfrey. Sei scomparso troppo presto. I miei pensieri sono con la sua famiglia, i suoi amici e la sua squadra.'