La nuova Superlega europea di calcio
25 Aprile 2021
15:31

Rummenigge: “Agnelli ed io siamo diversi… sono legato al calcio e non solo ai soldi”

Le parole di Karl-Heinz Rummenigge marcano ancora una volta la distanza del Bayern Monaco dal progetto (fallito) della Superlega. L’ex calciatore, oggi al timone dei bavaresi: “La Superlega era inaccettabile ed è stata liquidata. Agnelli ed io siamo molto diversi, lui fa parte di un’altra generazione…”.
A cura di Maurizio De Santis
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La nuova Superlega europea di calcio

"Sono legato al calcio e non solo ai soldi". Le parole di Karl-Heinz Rummenigge alla ‘Bild' marcano ancora una volta la differenza del Bayern Monaco, l'estraneità e la contrarietà del club bavarese al progetto Superlega. I tedeschi e il Paris Saint-Germain sono le società che, tra le maggiori, hanno scelto di non far parte delle 12 dissidenti. Fin dal primo momento hanno detto no all'ipotesi caldeggiata da inglesi, spagnole e italiane di dar vita a un torneo parallelo, alternativo alla Champions con la possibilità di contrattare autonomamente diritti tv e nuove sponsorizzazioni.

Una mossa che ha scatenato la reazione furibonda della Uefa nei confronti di coloro che, definiti "terrapiattisti" dal presidente Ceferin, adesso rischiano sanzioni molto severe. Nel mirino, oltre al Real Madrid e al Barcellona, ci sono la Juventus e il presidente, Andrea Agnelli.

"Se avessi saputo in tempo della Superlega e di cosa stava accadendo, avrei fatto tutto il possibile per evitarlo – ha ammesso Rummenigge -. È un progetto definitivamente cancellato e sicuramente era inaccettabile. Adesso è importante che i club che hanno riconosciuto di aver sbagliato tornino nella famiglia del calcio europeo.

Cancellato. Inaccettabile. E ancora il riferimento a quelli che hanno fatto ammenda dei loro errori. Sono i tre punti chiave della prima parte del discorso di Rummenigge. Ma ce n'è un altro altrettanto importante che snocciola poco alla volta e serve a rimarcare la propria diversità rispetto al numero uno dei bianconeri e, più ancora, a una concezione del calcio che non può essere solo business.

Sono legato al calcio e non solo ai soldi – ripete ‘Kalle' parlando di Agnelli, tra i fautori della Superlega -. Siamo molto diversi, lui fa parte di un'altra generazione. Io ho giocato a calcio e sono legato al calcio. Non m'interessa solo l'aspetto economico.

177 contenuti su questa storia
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Al-Khelaifi seppellisce l'idea Superlega con una battuta:
Al-Khelaifi seppellisce l'idea Superlega con una battuta: "A crederci ancora sono rimasti in tre"
Sprezzante accusa a Juve, Real e Barcellona sotto gli occhi di Agnelli: “Mentono più di Putin”
Sprezzante accusa a Juve, Real e Barcellona sotto gli occhi di Agnelli: “Mentono più di Putin”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni