Due legni, due gol e qualificazione agli ottavi di finale di Europa League messa al sicuro. Nello scenario surreale di San Siro – chiuso al pubblico per l'emergenza Coronavirus – l'Inter batte con il risultato 2-1 il Ludogorets (gol di Biraghi e Lukaku) adesso attende il sorteggio che verrà effettuato nella giornata di venerdì a Nyon. Chi può pescare nell'urna? Anche la Roma, considerato che non vi sono preclusioni da regolamento.

Bulgari al Meazza con guanti e mascherine

Quando il direttore di gara, il tedesco Siebert, fischia l'inizio del match il sibilo si perde nella sera di San Siro. Al "Meazza", eccezion fatta per tesserati e per un numero ristretto di giornalisti della tv, è come giocare in un campo d'allenamento al giovedì. I bulgari, che a Milano sono arrivati "attrezzati" con mascherine e guanti in lattice per proteggersi dai rischi d'infezioni, provano a dare un senso a un incontro che aveva perso appeal già all'andata per il 2-0 siglato dai nerazzurri.

Botta e risposta Cauly-Biraghi

E così la rete del momentaneo vantaggio siglata da Cauly (26°) è un lampo nel buio e l'urlo dei calciatori echeggia nel vuoto. Una soddisfazione che durerà poco considerato che cinque minuti dopo (31°) Biraghi – su assist perfetto di Eriksen – trova pareggio e primo acuto in Europa.

Lukaku raddoppia, l'Inter prende anche 2 legni

Botta e risposta ma i ritmi restano bassi. E quando Lukaku, alla fine del primo tempo, insacca la palla del raddoppio allora la partita può considerarsi di fatto chiusa. La ripresa? Una sorta di "sgambatura" che vede entrambe le formazioni affrontarsi senza patemi: Ludogorets eliminato, gioca per onore di firma; nerazzurri intenti a conservare le energie in vista della gara scudetto di domenica contro la Juventus. C'è, però, ancora tempo per qualche brivido… prima la traversa di Sanchez poi il palo di Lukaku. Può bastare nel silenzio di San Siro non c'è altro.

Il tabellino di Inter-Ludogorets 2-1

Inter (3-5-2): Padelli; D’Ambrosio (76′ Bastoni), Ranocchia, Godin; Moses, Barella (46′ Brozovic), Borja Valero, Eriksen, Biraghi; Lukaku (62′ Esposito), Sanchez. All. Conte
Ludogorets (4-3-3): Iliev; Cicinho Terziev, Grigore, Nedyalkov; Marcelinho (83′ Biton), Dyakov, Badji; Wanderson (70′ Tchibota), Keseru (64′ Swierczok), Cauly Souza. All. Vrba.
Arbitro: Daniel Siebert
Reti: 26′ Cauly (L), 31′ Biraghi (I), 45'+4′ Lukaku (I)
Note: D'Ambrosio (I), Wanderson (L)