Quella di oggi è una giornata importante per l'Inter e per i tutti suoi tifosi. Perché si celebrano i dieci anni del triplete, che arrivò un sabato di maggio a Madrid, quando la squadra guidata da Mourinho batté 2-0 il Bayern Monaco. Le celebrazioni sui social sono iniziate negli ultimi giorni e proseguono con tutti i crismi. I campioni di quella squadra si sono ritrovati tutti assieme in una videochat, che è diventata subito storica.

La miglior videochat di sempre

Ha svelato tutto Wesley Sneijder, che fu l'uomo in più di quella squadra che sul suo profilo Instagram ha postato uno screen della videochat e a corredo ha scritto: "The best Zoom ever" e cioè ‘La miglior videochat di Zoom di sempre". A distanza, quasi tutta in casa, si sono visti e hanno celebrato il triplete i campioni di quell'Inter e in diretta c'erano anche José Mourinho, l'artefice, e il presidente dell'epoca Massimo Moratti. Julio Cesar si riconosce bene nonostante la mascherina, ma si vedono bene anche capitan Zanetti sorridente, Milito, Walter Samuel, Stankovic, Cambiasso e Materazzi, attivissimo sui social in questi ultimi mesi.

Il triplete dell'Inter

Nessuna squadra italiana, né prima né dopo, è riuscita a fare il ‘triplete'. L'Inter in quel mese di maggio vinse in meno di venti giorni prima la Coppa Italia (1-0 alla Roma), poi lo scudetto (beffando sul filo i giallorossi) e poi la Champions League. Era una squadra fortissima, con una grande identità, con campioni in ogni reparto e un grande allenatore.

The best zoom ever 🖤💙

A post shared by Wesley Sneijder (@sneijder10official) on

Le parole del presidente Moratti

Nell'intervista rilasciata a Fanpage.it l'ex presidente dell'Inter ha ricordato con orgoglio il triplete, e ha affermato che la sua squadra sarà per sempre la prima italiana ad aver vinto tre trofei nella stessa stagione:

L'Inter è un valore per sé, suscita un'emozionalità speciale. Il triplete capiterà anche a qualche altra squadra italiana, ma questo rimarrà per sempre il primo e particolarmente gioioso. Per noi è stato un grande orgoglio, è stato così per tutti quelli che hanno partecipato a quella bella avventura. La gioia più grande è proprio questa: aver donato un momento di felicità, che specialmente in questa situazione particolare viene ricordata e riempie un po' il cuore.