2.388 CONDIVISIONI
29 Agosto 2022
20:57

Il Bayern posa per la tradizionale foto con la birra in mano, ma 2 calciatori si rifiutano di farlo

Perché su un totale di 31 persone tesserate solo loro due hanno fatto quella scelta? Per Mané e Mazraoui la situazione è molto diversa. Dietro la loro reticenza c’è una motivazione personale precisa.
A cura di Maurizio De Santis
2.388 CONDIVISIONI
La foto di gruppo del Bayern Monaco che posa con un boccale di birra. Tutti tranne due calciatori.
La foto di gruppo del Bayern Monaco che posa con un boccale di birra. Tutti tranne due calciatori.

L'abito tipico, il tracht, c'è. Il maxi boccale di birra pure. Sorriso e brocche in alto sollevate dai calciatori del Bayern Monaco completano l'immagine. Non manca molto all'Oktoberfest (inizierà il 17 settembre) e, come da tradizione (oltre che obblighi dettati dalle partnership commerciali), il club bavarese s'è messo in posa per il servizio promosso da un birrificio tedesco in occasione dell'evento alle porte.

Nel corredo accessorio di quella foto rituale c'è tutto. Eppure qualcosa non torna. No, non è un gioco da Settimana Enigmistica e nemmeno un rompicapo. È facile facile notare come tra le quattro file che raccolgono i giocatori del club ce ne siano due che, a differenza degli altri, tengono le braccia conserte o le mani incrociate.

È un dettaglio che all'occhio attento non sfugge. Si tratta dell'attaccante senegalese, Sadio Mané (giunto in Bundesliga in questa finestra di mercato dopo aver lasciato il Liverpool), e del difensore marocchino Noussair Mazraoui (prelevato dall'Ajax).

Perché su un totale di 31 persone tesserate solo loro due hanno fatto quella scelta? Vi sbagliate se credete che dietro una decisione del genere vi sia qualcosa di molto simile all'atteggiamento di Cristiano Ronaldo in conferenza stampa. Ricordate quando allontanò da sé la bottigliette di Coca Cola? Il campione portoghese – che considera un certo di bevande ‘veleno' per la sua condizione di forma al punto da bandirle in assoluto dalla propria dieta – spiegò che era meglio bere acqua e quella presa di posizione così plateale fece discutere.

Per Mané e Mazraoui la situazione è molto diversa. Dietro la loro reticenza c'è una motivazione personale precisa e molto forte: sono di religione musulmana e il credo religioso che osservano impedisce loro il consumo di bevande alcoliche. Ecco perché nell'immagine sono gli unici a non avere un boccale di birra in mano e, tra gli scatti dell'evento commerciale, l'ex dei Reds s'è lasciato immortalare mostrando il pollice verso l'alto a differenza dei compagni che hanno esibito brocche stracolme di ‘bionda'.

Matthijs de Ligt posa con il tradizionale boccale di birra. Sadio Mané mostra il pollice verso l’alto ma ha le mani vuote. Dietro la sua scelta c’è un motivo religioso.
Matthijs de Ligt posa con il tradizionale boccale di birra. Sadio Mané mostra il pollice verso l’alto ma ha le mani vuote. Dietro la sua scelta c’è un motivo religioso.

Non è la prima volta che il senegalese manifesta in maniera così chiara la propria confessione. A febbraio scorso, in occasione della vittoria a Wembley della Carabao Cup era accanto a Takumi Minamino quando gli chiese di astenersi dal celebrare quell'esultanza stappando bollicine. In un video di allora si nota come il calciatore giapponese stia per lasciar correre champagne in segno di festa ma viene fermato proprio da Mané che, con molto garbo, gli chiede di posare la bottiglia spiegandogli il motivo della rinuncia.

2.388 CONDIVISIONI
Espelle 2 calciatori, si scatena l'inferno: pestaggio all'arbitro, spunta anche un'arma
Espelle 2 calciatori, si scatena l'inferno: pestaggio all'arbitro, spunta anche un'arma
Perché i tifosi hanno mostrato le foto di Ozil mettendosi la mano alla bocca durante Spagna-Germania
Perché i tifosi hanno mostrato le foto di Ozil mettendosi la mano alla bocca durante Spagna-Germania
L'Inghilterra parte forte ai Mondiali, Iran travolto: nel 6-2 doppiette di Saka e Taremi
L'Inghilterra parte forte ai Mondiali, Iran travolto: nel 6-2 doppiette di Saka e Taremi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni