La nuova Superlega europea di calcio
29 Aprile 2021
19:46

I dirigenti dei 6 club inglesi della Superlega lasciano i ruoli istituzionali in Premier League

I dirigenti dei sei club inglesi coinvolti nel progetto della Superlega si sono dimessi dai ruoli amministrativi della ​​Premier League dopo le pressioni dei colleghi delle altre 14 società. A riportare la notizia è la BBC. Non ci saranno effetti sul diritto di voto in assemblea delle “Big Six” dopo quanto accaduto nelle scorse ore.
A cura di Vito Lamorte
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La nuova Superlega europea di calcio

L'Inghilterra non perdona. I dirigenti dei sei club inglesi coinvolti nel progetto della Superlega sono stati costretti a dimettersi dai ruoli amministrativi della ​​Premier League. A riportare la notizia è l'emittente televisiva britannica BBC. Quanto accaduto nelle scorse ore sarebbe solo una conseguenza di quanto era già stato messo in piazza nei giorni scorsi: il tentativo della "Big Six" (Manchester United, Manchester City, Liverpool, Arsenal, Chelsea, Tottenham) di creare un campionato oltre quello nazionale ha attirato pesanti critiche sia da parte dei tifosi, che abbiamo visto in piazza, che di dirigenti di club e della federazione. Gli altri 14 club della Premier League si sono sentiti traditi dalla mossa dei club più forti economicamente e hanno chiesto che i dirigenti coinvolti nel nuovo progetto calcistico europeo, tra cui Ed Woodward del Manchester United, Tom Werner del Liverpool e Ferran Soriano del Manchester City, presentassero le dimissioni dai loro ruoli istituzionali.

Woodward e Werner non faranno più parte del gruppo consultivo per i diritti di trasmissione della Premier League mentre Soriano e l'amministratore delegato dell'Arsenal, Vinai Venkatesham, sarà rimosso dal gruppo consultivo strategico dei club. Non farà più parte del comitato di revisione e remunerazione il presidente del Chelsea, Bruce Buck.

Il Tottenham, che faceva parte dei club fondatori della Super League, non era rappresentato nei tre gruppi appena citati, che sono stati introdotti 18 mesi fa e all'interno dei quali si discutevano le idee prima di essere presentate ai club per le votazioni. La scelta, chiesta e ottenuta dalle società della Premier League, non avrà effetti sul diritto di voto in assemblea delle sei società che avevano cercato di dare vita a questo nuovo torneo continentale ma si sono tirate indietro per prime poche ore dopo l'annuncio ufficiale.

177 contenuti su questa storia
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Al-Khelaifi seppellisce l'idea Superlega con una battuta:
Al-Khelaifi seppellisce l'idea Superlega con una battuta: "A crederci ancora sono rimasti in tre"
Sprezzante accusa a Juve, Real e Barcellona sotto gli occhi di Agnelli: “Mentono più di Putin”
Sprezzante accusa a Juve, Real e Barcellona sotto gli occhi di Agnelli: “Mentono più di Putin”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni