La nuova Superlega europea di calcio
25 Aprile 2021
18:33

Florentino Perez pronto ad accusare l’Uefa all’Antitrust per il regime di monopolio

Florentino Perez è pronto a continuare la sua battaglia contro l’Uefa. Da presidente in carica della Superlega europea starebbe preparando una controffensiva per una denuncia all’Antitrust nei confronti dell’organo calcistico di cui Ceferin è a capo, accusandolo di monopolio. L’ennesimo capitolo di un confronto che è lontano dal trovare un accordo.
A cura di Alessio Pediglieri
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La nuova Superlega europea di calcio

Florentino Perez lotta. E lotta per mantenere in vita la sua creatura, la Superlega europea di cui è stato proclamato presidente nella stessa notte in cui è stato emesso il comunicato della nascita ufficiale del torneo al di fuori dei controlli di Uefa e Fifa. Lotta perché malgrado il progetto sia ufficialmente in stand-by e dei 12 club fondatori in 8 abbiano alzato le mani e siano ritornati sui loro passi, il patron del Real Madrid resta in sella, scegliendo la regola d'oro per il mondo dello sport: l'attacco è la miglior difesa.

Così, a una settimana dalla grande scissione che non si è spenta come un cerino bagnato, Florentino Perez fa sapere a Ceferin e ai vertici dell'Uefa che hanno vinto solo la partita, non il campionato. Se la Superlega si è sfaldata, impossibilitata a portare avanti il progetto del torneo elitario in Europa, non significa che non esista più. Sono due elementi ben distinti e per ricordarlo, il numero uno del Real Madrid sta preparando un ricorso all'Antitrust contro l'Uefa.

Il motivo è semplice: l'Uefa gestisce il calcio europeo in regime di assoluto monopolio, fa e detta le regole (di chi è dentro e di chi è fuori) come organo regolatore ma organizza anche i tornei e gli eventi che si devono disputare (come, quando, dove) come organo organizzativo. Due ruoli che la pongono a gestire senza confronti il mondo del calcio, in contrasto con ciò che avviene in altri sport dove i due enti sono ben distinti.

Per questo, Perez è pronto ad alzare la voce facendosi scudo anche con una sentenza di un tribunale di Madrid che si era già pronunciato sul fatto delle possibili sanzioni: i club che si erano riuniti in Superlega per legge non possono essere puniti da Ceferin. Che, però, continua a sottolineare come le società che ancora risultano in Superlega non siano le benaccette per le Coppe sotto l'egida dell'Uefa e per questo motivo, non vi possano partecipare. Perché, malgrado chi dice che la Superlega non esista più, sbaglia.

La Superlega esiste, ha una sede un Cda e un capitale

Tecnicamente la Superlega europea come ente c'è ed è vivo, si è solamente arenato il progetto di come sviluppare il torneo, quando e con chi. A dimostrazione di questo, la Superlega ha un sede (in Spagna), 4 società sono ancora dentro e c'è ancora un consiglio di Amministrazione, con un capitale minimo già versato. Tutto per autotutelarsi e arrogarsi il diritto eventualmente di far causa ai club inglesi, rei di aver spaccato la Superlega uscendone creando disagi e danni. Dunque, la partita si sta giocando almeno su due campi contemporanei e il 90° è ancora lontano.

177 contenuti su questa storia
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Al-Khelaifi seppellisce l'idea Superlega con una battuta:
Al-Khelaifi seppellisce l'idea Superlega con una battuta: "A crederci ancora sono rimasti in tre"
Sprezzante accusa a Juve, Real e Barcellona sotto gli occhi di Agnelli: “Mentono più di Putin”
Sprezzante accusa a Juve, Real e Barcellona sotto gli occhi di Agnelli: “Mentono più di Putin”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni