Dan Friedkin è a un passo dall’acquistare la Roma. L’attuale proprietario James Pallotta sembra aver accettato l’offerta dell’altro imprenditore americano. I due si sarebbero incontrati nella giornata di lunedì e oltre alle strette di mano probabilmente sarebbero state apposte anche le firme sul contratto che segnerà l’inizio di una nuova era per i giallorossi, che restano comunque con un patron a stelle e strisce. L’annuncio ufficiale potrebbe arrivare in settimana.

L’incontro tra Pallotta e Friedkin

Secondo quanto scrive ‘Mf – Milano Finanza’ c’è stato il tanto atteso faccia a faccia tra i due imprenditori, che da quasi un anno stanno trattando. Il summit potrebbe anche aver portato alla firma per il passaggio di mano tra Pallotta e Friedkin, che ha offerto sempre 490 milioni di euro che, in caso di sì, finirebbero subito nelle casse di Pallotta, e poi ne verrebbero sborsati altri 90 dall’imprenditore con la passione del volo che li investirebbe nella società, allo scopo di trattenere tutti i migliori giocatori.

Friedkin sarà il terzo presidente americano della Roma

Vanta un patrimonio di oltre 5 miliardi di dollari Friedkin, che è diventato il capo dell’impresa di famiglia dopo la morte del padre, ha molteplici interessi l’imprenditore americano che ha deciso di far ingresso nel mondo del calcio italiano acquisendo la Roma, che non vince un trofeo dal 2008 e che spera di tornare fortemente in lotta per lo scudetto. Resterà la ‘Stars and Stripes’, la bandiera americana, issata su Trigoria perché i giallorossi avranno ancora una proprietà e un presidente americano, prima di Pallotta c’era stato Thomas Di Benedetto, che aveva gestito una cordata di imprenditori che successe a Rosella Sensi, che a sua volta aveva ricevuto il timone della società dopo i problemi di salute e poi la morte del padre Franco, l’ultimo presidente a vincere lo scudetto con i giallorossi.