23 CONDIVISIONI
Mondiali di Basket 2023

Cosa ha detto Pozzecco a Kerr dopo la fine di Italia-USA ai Mondiali: “Lui mi ha compreso”

Pozzecco si è fermato a parlare qualche secondo con Steve Kerr dopo la fine di Italia-USA ai Mondiali di basket: lo stesso CT degli Azzurri ha rivelato il contenuto del loro dialogo.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Vito Lamorte
23 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Mondiali di Basket 2023

L'Italia ha chiuso il suo cammino ai Mondiali di basket 2023 ai quarti di finale: gli Azzurri non hanno potuto nulla al cospetto degli USA, che hanno vinto per 100-63 e si sono presi il pass per le semifinali. La squadra di Gianmarco Pozzecco ha provato a rimanere in partita ma pian piano la superiorità degli americani è uscita e la differenza era troppa da poter pensare di compensare le lacune solo con voglia, grinta ed entusiasmo.

Dopo la gara il coach degli Azzurri si è espresso così in conferenza stampa: "Quello che rimarrà sarà la sconfitta, siamo amareggiati. Ma siamo nelle prime 8 squadre del mondo, nessuno ci credeva. I ragazzi sono meravigliosi, lo sono anche oggi. Ci spiace arrivare primi nel girone e pescare gli USA nei quarti. Lo avevo detto, serviva fortuna negli accoppiamenti. Avremmo dovuto giocare con la Lituania, ma pensavo di poter battere gli americani. Hanno tirato con il 50% da tre… Questa squadra ha un futuro, dobbiamo essere orgogliosi".

Immagine

Poz ha proseguito analizzando il percorso fatto e sulle potenzialità di questa squadra: "Senza gli USA noi saremmo in semifinale, sono convinto di questo. Siamo sulla strada giusta, il presente è roseo e abbiamo anche un futuro da scrivere. Il merito è dei ragazzi, sono straordinari e ci hanno emozionato. Gli USA hanno giocato in modo stellare, abbiamo riempito l'area e ci hanno puniti da tre. Noi abbiamo sbagliato tiri aperti. Oggi siamo amareggiati, abbiamo alzato l'asticella e abbiamo fatto credere a tutti che potevamo vincere. Essere tra le prime 8 è un risultato storico". 

Infine Pozzecco si è soffermato sul dialogo avuto con Steve Kerr, coach degli USA, dopo il fischio finale per spiegargli cosa aveva detto a Tyrese Haliburton durante la partita: "Abbiamo iniziato a parlare con alcuni giocatori. Volevo assicurarmi di non lamentarmi o litigare con loro. Gli ho solo detto che abbiamo parlato di qualche fallo, nient'altro. Volevo solo dirglielo. Sono stato giocatore e da allenatore non parlo con i giocatori. Non dovrebbe essere così".

Il CT azzurro ha rivelato che il collega americano ha affermato di ‘aver compreso la situazione' e che non vi erano problemi in merito.

L'unico momento in cui la tensione si è alzata era arrivato dopo lo scontro tra Melli e Ingram, con l'azzurro che aveva la peggio subendo un colpo in faccia dall’ex compagno di squadra a New Orleans. Tutta la panchina italiana aveva protestato e dopo una lunga revisione al monitor l'italiano aveva conquistato due liberi mentre per l'americano un antisportivo.

Immagine

C'è stata una piccola polemica dopo la tripla di Bridges, ma tutto si è chiuso rapidamente: il cestita dei Brooklyn Nets dopo aver piazzato tre punti si è rivolto al suo solito con il gesto delle dita e la panchina azzurra non ha apprezzato particolarmente.

A parte queste due situazioni non c'è stato altro e gli USA hanno conquistato meritatamente le semifinali. L'Italia ha fatto sognare ma oggi non ha potuto nulla: essere tra le migliori otto del mondo dopo più di vent'anni è già un grande traguardo.

23 CONDIVISIONI
30 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni