1.306 CONDIVISIONI
Omicidio Carol Maltesi
31 Marzo 2022
12:55

Giancarlo Bozzo, direttore Zelig che ha cacciato Pietro Diomede: “Non è censura, ma buon gusto”

Dopo la battuta controversa di Pietro Diomede su Carol Maltesi e la conseguente cancellazione della sua esibizione allo Zelig, il direttore artistico commenta: “È colpa mia averlo invitato, non lo conoscevo”.
A cura di Daniela Seclì
1.306 CONDIVISIONI
Pietro Diomede e Giancarlo Bozzo
Pietro Diomede e Giancarlo Bozzo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Carol Maltesi

Carol Maltesi è stata uccisa dall'ex fidanzato Davide Fontana, che ha tenuto per settimane il suo corpo in un congelatore. Un atroce fatto di cronaca nera, che in queste ore si è mescolato con la polemica per una battuta di pessimo gusto del comico Pietro Diomede. A seguito del tweet pubblicato da quest'ultimo, è stata cancellata la performance che avrebbe dovuto fare sabato 12 aprile nel corso della serata Open Mic allo Zelig. In queste ore, su Repubblica, ha parlato Giancarlo Bozzo, il direttore artistico del locale.

Cancellata l'esibizione di Pietro Diomede allo Zelig

Giancarlo Bozzo ha spiegato che la cancellazione dell'esibizione di Pietro Diomede non la considera una forma di censura, ma solo rispetto del buon gusto. Non è contrario a una certa forma di umorismo, ma ritiene che chi si avventura nel black humor, debba anche saperlo fare con maestria altrimenti il risultato è disastroso:

"Non chiamiamola censura per favore, è semplicemente buon gusto. La comicità può benissimo essere scorretta, scherzare anche su certe cose, ma in quel caso deve essere un capolavoro. Questa battuta non lo era, non faceva ridere. Certo, la risata può fare arrabbiare qualcuno, se si sceglie questa via, ma non deve essere urticante".

Perché ha chiamato Pietro Diomede ad esibirsi

Quella su Carol Maltesi non è la prima battuta di cattivo gusto di Pietro Diomede. I suoi profili social sono carichi di scivoloni. Dunque, perché un personaggio così controverso era stato chiamato a esibirsi allo Zelig? Giancarlo Bozzo si è assunta la piena responsabilità. Il direttore artistico ha ammesso di non essersi informato abbastanza sulla carriera di Diomede e sul suo stile: "E questa è colpa mia, ammetto che non lo conoscevo a sufficienza, ma in Italia ci sono circa 3000 comici, non posso sapere tutto di tutti".

1.306 CONDIVISIONI
50 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni