105 CONDIVISIONI
Natale 2021
24 Dicembre 2021
12:30

Una poltrona per due: il significato del finale

Anche questa sera, venerdì 24 dicembre 2021, andrà in onda “Una poltrona per due”. Il film di John Landis con Eddie Murphy, Dan Aykroyd e Jamie Lee Curtis è un classico di ogni vigilia di Natale. Ecco la spiegazione del finale, che ha dato addirittura il nome a una legge americana contro la speculazione finanziaria.
105 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Natale 2021

Questa sera, come da tradizione, andrà in onda "Una poltrona per due". Infatti, non esiste Natale senza la visione della pellicola cult alla Vigilia organizzata da Italia 1 che programma l'irresistibile commedia di John Landis ogni 24 dicembre, sin dal 1997. Tra l'abbuffata del cenone e qualche immancabile bicchiere di vino, però, quanti seguono davvero il film minuto per minuto? Per fare bella figura con parenti e amici, ecco il significato del finale della pellicola del 1983 (in originale "Trading Place") che vede protagonisti Eddie Murphy, Dan Aykroyd e Jamie Lee Curtis, con la spiegazione della speculazione dei protagonisti sul prezzo delle arance.

La storia di "Una poltrona per due" è cosa nota, così come le curiosità legate al film. In una Filadelfia che si prepara a festeggiare il Natale, Louis Winthorpe III (Dan Aykroyd) è un ricchissimo e apprezzato agente di cambio, servito e riverito dal maggiordomo Coleman (Denholm Elliott). I suoi capi, gli avarissimi e altolocati fratelli Mortimer e Randolph Duke (Don Ameche e Ralph Bellamy), gli giocano però un tiro meschino per una semplice scommessa: fanno in modo che Louis perda tutto e che il suo posto venga preso da Billie Ray Valentine (Eddie Murphy), furbo e scalcagnato senzatetto. Quello che i due anziani capitalisti non immaginano è che Winthorpe e Valentine finiranno per allearsi e fregarli, con l'aiuto di Coleman e della bella squillo Ophelia (Jamie Lee Curtis).

Il finale di Una poltrona per due (SPOILER)

Quando scoprono che i Duke non solo sono responsabili del loro scambio di ruoli, ma vogliono anche mettere in atto una grande speculazione a Wall Street, i due protagonisti si vendicano mandandoli sul lastrico. I fratelli hanno cercato di ottenere con la corruzione il rapporto governativo sull'andamento del raccolto di arance, con l'intenzione di speculare sul prezzo del succo di arancia surgelato. Louis e Billie Ray intercettano il rapporto e ne fanno recapitare uno falso ai Duke, che fa loro credere che il raccolto sia andato male e che il prezzo sia destinato a salire (in realtà, è l'esatto contrario) e li induce a dilapidare il loro patrimonio in contratti futures. Si tratta di contratti derivati che impegnano le parti ad acquistare o vendere, a una data futura, una determinata quantità di merce a un prezzo prefissato. Convinti che il prezzo salirà notevolmente, i due fratelli decidono così di impegnarsi a comprare immediatamente il più possibile, subito imitati dal resto dei broker di Wall Street: aumentando la domanda, il prezzo del succo finisce per alzarsi. Entrano dunque in scena Winthorpe e Valentine, che iniziano a vendere futures allo scoperto ("Vendo 200 aprile a 1,42!”): altri li imitano e il prezzo ricomincia a scendere. Quando il vero rapporto del Governo sul raccolto viene reso pubblico dal Segretario dell'Agricoltura, il prezzo dei futures crolla vertiginosamente: i Duke perdono tutto, mentre i nostri eroi (che hanno ricomprato a un prezzo bassissimo) diventano milionari.

La legge Eddie Murphy Rule

Il film è uscito nel 1983, quando la speculazione messa in atto dai protagonisti era ancora qualcosa di legale. Nel 2010, però, negli Stati Uniti è stata promulgata una legge che proibisce l'insider trading a Wall Street: da allora, è illegale utilizzare informazioni non pubbliche per commerciare nel mercato dei futures. Ebbene, la regola in questione, contenuta nel Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act firmato da Obama, porta il nome di Eddie Murphy Rule. Un riferimento squisitamente cinefilo a "Una poltrona per due" che Murphy, John Landis e il resto del cast avranno sicuramente apprezzato.

105 CONDIVISIONI
148 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni