434 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Festival di Sanremo 2023

Tommaso Zorzi sul monologo di Chiara Ferragni a Sanremo: “Noi uomini dovremmo prendere nota”

L’influencer e conduttore ha in comune con Chiara Ferragni il doppio binario dei social e della tv. Sul “discorso che l’imprenditrice ha portato a Sanremo: “Un discorso che è arrivato forte alle bambine, ma deve arrivare soprattutto ai bambini. Chi deve evitare di mettere le donne in quelle condizioni sono gli uomini”.
A cura di Giulia Turco
434 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

All'indomani della prima serata del Festival, in studio da Alberto Matano a La Vita in Diretta si commentano gli highlights, tra musica e non solo. Da Chiara Ferragni con il suo monologo e gli indimenticabili look, alla conduzione di Amadeus affiancato da Gianni Morandi. A commentare in studio ci sono Tommaso Zorzi, rappresentante del mondo social e della tv al contempo, Manuel Bortuzzo, Alba Parietti, Anna Pettinelli ed Ema Stockholma.

Tommaso Zorzi e Manuel Bortuzzo sull'intervento di Chiara Ferragni

L'influencer e conduttore ha in comune con Chiara Ferragni il doppio binario dei social e della tv, dove lui da alcuni anni è già più presente. Zorzi apprezza in particolare la scelta dei look dell'imprenditrice, curati dalle maison di alta moda che non potevano che essere un successo. In quanto al monologo ha spiegato: "Questo è un discorso che è arrivato forte alle bambine, ma deve arrivare forte anche e soprattutto ai bambini, perché chi deve evitare di mettere le donne in quelle condizioni sono proprio gli uomini", ha detto Zorzi con riferimento alla disparità di genere nella società della quale ha parlato Ferragni sul palco. "Chi deve prendere nota da quel discorso siamo noi", ha concluso il conduttore. Apprezzamenti anche da parte di Manuel Bortuzzo: "Le semplici parole di Chiara sono arrivate dritte al cuore e alla testa".

Ottimi voti anche per Gianni Morandi

A La Vita in Diretta non è mancata una menzione in positivo anche per Gianni Morandi alla co conduzione del festival insieme ad Amadeus. Alla domanda di Matano sul perché il cantante piace così tanto sia ai giovani che ai più adulti, Zorzi risponde: "Penso che il volto di Morandi per il pubblico italiano sia una delle cose più rassicuranti che ci sia, come un piatto di pasta al pomodoro. Io quando lo vedo in tv mi sento a casa". Ottimi voti anche da parte di Anna Pettinelli che ha apprezzato la versione di Morandi sull'Inno di Mameli: "Ha cantato l'Inno come una canzone popolare, con una semplicità unica, per questo penso che la sua versione sia stata diversa da tutte quelle che abbiamo sentito finora".

434 CONDIVISIONI
711 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views