472 CONDIVISIONI
Don Matteo 13
2 Febbraio 2022
1:39

Raoul Bova e Nino Frassica presentano Don Matteo 13, Terence Hill: “Non ho lasciato per volontà mia”

Perché Terence Hill ha lasciato Don Matteo: al suo posto, nella famosa serie televisiva, ci sarà Raoul Bova ospite nella prima serata del Festival di Sanremo insieme a Nino Frassica.
A cura di Gaia Martino
472 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Don Matteo 13

Don Matteo tornerà con la 13esima stagione e con sé porterà tante novità: tra queste Raoul Bova che prende il posto di Terence Hill. Da oltre 20 anni la serie tv accompagna i telespettatori italiani ed a marzo andrà in onda su Rai Uno con nuovi episodi e nuovi volti. L'attore romano ha presentato il suo ruolo nuovo, Don Massimo, al Festival di Sanremo 2022 nella prima serata. Sul palco l'ha raggiunto anche il compagno di set, Nino Frassica, una presenza fissa della fiction.

Raoul Bova la novità di Don Matteo 13

Si chiama Don Massimo il personaggio che Raoul Bova interpreterà nella nuova stagione di Don Matteo. Il celebre attore vestirà i panni del personaggio fino ad ora interpretato da Terence Hill. "Don Massimo, il nuovo parroco della Parrocchia di Spoleto" – si è presentato sul palco dell'Ariston – "Sono un prete moderno" ha scherzato. In compagnia di Nino Frassica, Antonio "Nino" Cecchini nella serie, hanno presentato la nuova stagione.

Perché Terence Hill ha lasciato Don Matteo

Dopo 20 anni nella serie tv Terence Hill ha salutato i suoi compagni di set. Il produttore Luca Bernabei ha salutato l'attore con una nota lo scorso 21 settembre, quando è stata girata l'ultima scena nei panni del sacerdote investigatore: "Grazie per l’umiltà con cui lui stesso ha sempre ringraziato tutti per il lavoro fatto in questi 20 anni, segno della grandezza della sua persona". Lui stesso, in un'intervista a TFNews, ha svelato il motivo del suo addio: avrebbe richiesto delle variazioni ma la Rai non gliele ha concesse.

Don Matteo l’ho lasciato non perché volessi lasciarlo. Volevo chiedere un cambio, cioè di fare 4 episodi all’anno, tipo Montalbano, invece di 10, 12 o 16. Pensavo, intanto siamo molto avanti, c’è il pericolo che andiamo un po’ giù. Poi mi ci vogliono 9 mesi ogni volta per fare Don Matteo. Hanno bisogno di soldi. Con 4 episodi non avevano un sufficiente ritorno e quindi ne stanno producendo 10. Ne ho fatti 4 io e gli altri li finisce Raoul Bova.

472 CONDIVISIONI
20 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni