Ritrovarsi con un neonato che piange disperato in piena notte perché ha fame e non avere né il latte per sfamarlo né alcun modo di procurarselo. È la situazione in cui si è trovata una mamma statunitense residente ad Alpine, un comune nello Stato dello Utah, che infine ha deciso di risolvere tutto chiamando il numero di emergenza 911 per farsi assistere dalla polizia. La donna ha spiegato agli agenti la propria situazione e una volante si è subito fiondata sul posto col latte riuscendo infine a calmare il bimbo. A raccontare l'episodio è stato lo stesso dipartimento di polizia locale spiegando che la donna ha chiamato il numero di emergenza intorno alle 2 del mattino per far loro sapere che non aveva cibo per il suo neonato.

"Sono già madre di altri bimbi e non mi era mai capitato prima. È stato davvero spaventoso per me", ha raccontato la donna, Shannon Bird, ai media locali. La signora ha spiegato agli agenti che suo marito era fuori città e lei non era in grado di allattare né di guidare, di aver provato anche a chiamare i vicini ma che nessuno aveva risposto al telefono. Gli agenti sono accorsi subito sul posto con un litro di latte ma quando hanno capito che al neonato serviva il latte formulato e non quello normale, sono dovuti correre in un supermercato aperto anche di notte e infine sono tornati indietro riuscendo a calmare il bimbo. I poliziotti si sono rifiutati di accettare ogni tipo di pagamento dalla donna spiegando: "La maggior parte di noi svolge lavoro per aiutare le persone, e questo è stato un esempio di aiuto per una madre bisognosa. Questo fa parte del servizio. Siamo qui per servire i cittadini".