"C'è un incremento dell'omosessualità a partire già dall'adolescenza a causa dei vaccini. Nei vaccini ci sono le cellule dei feti abortiti femminili che modificano l'informazione che entra nel corpo e ti trasformano in omosessuale". No, non è la frase estrapolata dalla bizzarra interrogazione in scienze di uno studente 14enne che poi prenderà 2, ma le dichiarazioni fatte in aula da un consigliere del XII Municipio. Massimiliano Quaresima, ex appartenente al M5s (che ora chiama M5 svastiche) passato poi al Gruppo Misto, si è scagliato contro la mozione di adesione del municipio alla campagna nazionale ‘Dà voce al rispetto', a sostegno dell'approvazione della legge contro l'omotransfobia. Una legge che, continua Quaresima (che nega anche l'esistenza del coronavirus) punterebbe a distruggere la famiglia. "Mi viene in mente anche Bibbiano – continua – E altre posti che non sono stati ancora scoperti".

Quaresima è andato oltre, dicendo che l'omosessualità deve tornare a essere considerata una malattia. "Va rivista la situazione delle associazioni Lgbtp. C'è una ‘p' che è stata aggiunta ultimamente che sta per pedosessuale. Qui si parla di orientamento sessuale, non amore, che è diverso. Andrebbe rivisto il motivo per il quale l'omosessualità è stata derubricata dalla lista delle malattie mentali". A quel punto qualcuno chiede al presidente se ‘quella roba' andrà in streaming e sarà ascoltata da tutti, interrompendo il consigliere. Che, dopo un breve battibecco ("Voglio essere libero di dire le mie fregnacce"), riprende la sua arringa. "Ho avuto molti amici omosessuali e infatti questi ragazzi hanno avuto traumi. Tanti sono stati violentati ed erano anche del sud. A me la parola orientamento fa paura".

Le gravi dichiarazioni del consigliere Quaresima sono state denunciate da Elio Tomassetti, consigliere Pd del XII Municipio e dalla sua collega Alessia Salmoni della Lista Civica Giachetti. Entrambi hanno annunciato che convocheranno un ufficio di presidenza per poter analizzare il caso. "Chiederemo che vengano presi seri provvedimenti", ha dichiarato Tomassetti, contattato da Fanpage.it. "Ciò che denuncio da consigliere del Pd è che il presidente d'aula del M5s non solo non ha interrotto l'intervento di Quaresima, ma ha fatto di tutto per fargli terminare il discorso. Dopo si è limitato a dare la parola a un altro consigliere. È incredibile che si possa permettere a una persona di dire cose offensive e deliranti proprio quando l'aula sta proponendo l'istituzione di un numero di emergenza per aiutare soggetti discriminati". Massimiliano Quaresima ha le stesse posizioni di Davide Barillari, consigliere regionale cacciato dal M5s. Insieme ad altri fuoriusciti dal partito, ha partecipato a manifestazioni contro il 5G e sostiene la non esistenza del coronavirus, appoggiando le tesi complottiste che ritengono la pandemia solo un modo per controllare le persone. E fare ovviamente vaccinazioni di massa.